Straordinaria novità marzo 2009

 

Volume di pagine 556
di G. Cassano, arricchito
da autorevoli contributi di
P. Cendon e P.G. Monateri

 

LE PROVE E LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI NON PATRIMONIALI DOPO LE S.U.

 

Con ”Tabella
del quantum delle
violazioni esistenziali
nei precedenti
giurisprudenziali”

LE PROVE E LA LIQUIDAZIONE
DEI DANNI NON PATRIMONIALI
DOPO LE S.U.

Finalmente un Manuale esplicativo dei punti focali di tutte le questioni risarcitorie in materia di danni non patrimoniali, l’unico capace di sciogliere il nodo cruciale della esatta collocazione del danno esistenziale fra il danno-evento e il danno-conseguenza.

Realizzato da G. Cassano - fondato sull’analisi dei pregiudizi esistenziali che hanno trovato tutela nelle sentenze della giurisprudenza e possono trovarla nei giudizi in corso - questo nuovo volume si avvale inoltre di due importanti contributi:

—› Nel primo - di 30 pagine - P. Cendon illustra come segue le vere ragioni del danno esistenziale, al di fuori degli “adattamenti nominalistici” richiesti dalle Sezioni Unite:
1. Provare, risarcire e liquidare il danno esistenziale. 2. Benefici sostitutivi, sanzioni non pecuniarie. 3. Gli appunti di impalpabilità aquiliana. 4. Raffronto col danno alla salute. 5. Le accuse di genericità. 6. Il danno esistenziale come danno ingiusto. 7. Catastrofismi. 8. I richiami alla Costituzione. 9. La quantificazione. 10. La prova. 11. La consulenza tecnica. 12. Risvolti funzionali: a) il lato “esterno” del danno esistenziale, b) il lato “interno” del danno esistenziale,

—› Nel secondo - di 10 pagine - P.G. Monateri osserva come il ragionamento per “casi simili” debba d’ora in poi costituire il perno della riflessione sulla quantificazione dei danni non patrimoniali.

Le Sezioni Unite hanno stabilito il principio del “risarcimento integrale” in tema di danno non patrimoniale e la necessità di tenere conto degli aspetti relazionali della persona: il problema è quello della prova e della liquidazione del danno che deve avere alla base interessi esistenziali con copertura costituzionale.

La difficoltà della Pratica era ed è quella di determinare gli esatti confini degli aspetti del danno biologico, morale, esistenziale, nonché di indicarne i criteri di liquidazione.

Non basta dire che sarà il giudice a provvedere al “risarcimento integrale” ma vanno indicate in concreto le poste del danno e quantificarle in relazione alla ripercussione sul valore-uomo.

Indispensabili quindi i suggerimenti della giurisprudenza selezionati in questa nuova opera da G. Cassano con lo scopo di far comprendere come argomentare la prova per gli interessi esistenziali e quanto sono state risarcite determinate conseguenze violative della persona. Non è importante che nella sentenza sia citato il danno esistenziale (ed infatti in alcune non è menzionato) ma quali interessi/valori sono stati portati in giudizio, come sono stati provati e quanto liquidati.

Nella responsabilità civile contano poco gli articoli, contano gli interessi e i diritti violati che effettivamente vengono risarciti, e questa nuova opera lo spiega molto chiaramente nel dettaglio di 11 sezioni:

1. Gli interessi esistenziali e l’evoluzione della responsabilità civile.

2. Diritti della personalità e risarcimento del danno.

3. I primi risarcimenti degli interessi esistenziali come danno evento: la prova di un danno patrimoniale.

4. I primi risarcimenti degli interessi esistenziali come danno evento: la prova della sola lesione del diritto costituzionalmente tutelato e non delle conseguenze.

5. Il danno esistenziale fra danno-evento e danno-conseguenza. L’obiezione (mancata) in relazione al principio di colpevolezza e alla sovrapposizione con il danno morale.

6. Il risarcimento degli interessi/valori della persona violati per mezzo del danno esistenziale. Prova e quantificazione in relazione alla casistica giurisprudenziale.

7. La prova richiesta dalla Cassazione, Sezioni Unite 2515/2002 per il risarcimento del danno non patrimoniale: le limitazioni del normale svolgimento di vita.

8. Persona giuridica e danno non patrimoniale: il danno esistenziale come testa d’ariete per ricomporre la cittadella della responsabilità civile.

9. Risarcibilità dei danni derivanti dalla lesione degli interessi di rango costituzionale inerenti alla persona ma che necessitano di essere allegati e provati, pur a fronte di una valutazione equitativa. Cassazione 8827/2003 e 8828/2003 e Corte Costituzionale 233/2003.

10. Prova e quantificazione degli interessi esistenziali nella giurisprudenza alla luce del nuovo assetto della responsabilità civile.

11. La giurisprudenza della Cassazione in tema di danno non patrimoniale ed esistenziale dal 2006 alle Sezioni Unite 26972/2008 e seguenti.

Con "Tabella del quantum delle violazioni esistenziali nei precedenti giurisprudenziali": 12 pagine a schemi contenenti 86 fattispecie con gli estremi della sentenza che ha riconosciuto il danno non patrimoniale e l’importo riconosciuto a titolo di risarcimento.

Per ricevere subito
LE PROVE E LA LIQUIDAZIONE DEI DANNI NON PATRIMONIALI
DOPO LE S.U.
Maggioli Editore - Novità marzo 2009
Pagine 556 - F.to cm. 17x24 - ISBN 4916.7
al prezzo speciale di euro 52,20
anziché Euro 58,00
clicchi su:

ACQUISTO ON LINE

Deducibilità fiscale delle opere acquistate
La spesa documentata nella fattura - sempre allegata all'ordine - è fiscalmente deducibile ai sensi degli articoli 54-56 TUIR.

Garanzie a tutela del Suo acquisto
- Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore al NUMERO VERDE 800-846061.
- Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.