Novità Marzo 2014

• Tipologie e regime
dei beni demaniali
e patrimoniali
• Federalismo demaniale
• Contenzioso tra
enti e privati

Le problematiche giuridiche del demanio

Con questioni giurisprudenziali
a fine capitoli

LE PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEL DEMANIO

Il Volume riporta una approfondita e organizzata analisi delle problematiche giuridiche inerenti il demanio.

Partendo da una breve, ma attenta, illustrazione dell’istituto giuridico, gli Autori approfondiscono tutti i risvolti pratici che coinvolgono non solo le pubbliche amministrazioni, ma anche i privati cittadini.

Frequentemente il demanio stradale, ferroviario o di altra natura è oggetto di contenzioso tra l’Ente titolare che ne deve preservare il carattere pubblico e il privato che ha necessità di tutelare il proprio interesse.

L’Opera fornisce gli strumenti per interpretare correttamente e risolvere le problematiche inerenti lo stato giuridico del demanio, la normativa vigente, le ripercussioni sui diritti reali e le tutele possibili.

Il Volume è così strutturato:

CAPITOLO I
I BENI DEMANIALI: DEFINIZIONE, CARATTERISTICHE, DISTINZIONI, CATEGORIE

1. Proprietà pubblica
2. Il carattere della demanialità e suo accertamento
3. Elementi distintivi dei beni demaniali: demanio necessario e accidentale
4. Elencazione contenuta nell’art. 822 e 824 c.c.
4.1. Segue casistica:
a) Demanio marittimo
b) Demanio idrico
c) Demanio militare
d) Demanio stradale
e) Demanio ferroviario
f) Demanio aeronautico
g) Acquedotti
h) cd. Demanio culturale
4.2. Leggi speciali: excursus normativo. Origini storiche
5. Il demanio e la responsabilità della P.A. da fatto illecito ex art. 2051 c.c. aggiornato alla luce del recente orientamento giurisprudenziale
6. Questioni giurisprudenziali

CAPITOLO II
IL REGIME DEI BENI DEMANIALI

1. Introduzione
2. Inizio e cessazione della demanialità
2.1. Le accessioni codicistiche:
a) alluvione
b) alluvione impropria
c) avulsione
d) isole e unioni di terra nei letti di fiumi o torrenti
2.2. Usucapione
2.3. Servitù 
2.4. Dicatio ad patriam
2.5. Espropriazione per pubblica utilità
2.6. Confisca: a) confisca penale; b) confisca quale misura di prevenzione
2.7. Requisizione
3. Indisponibilità, intrasmissibilità, imprescrittibilità, inespropriabilità
4. Diritti reali a favore di terzi
5. Dismissione
5.1. Introduzione
5.2. Fonti normative:
a) privatizzazione previa trasformazione in S.p.A.
b) enti locali
c) enti previdenziali
d) codice dei beni culturali
e) privatizzazione e piano di alienazione
f) federalismo demaniale
g) fondi demaniali attigui a proprietà altrui
5.3. Agenzia del demanio: l’attribuzione dei beni all’Agenzia
5.4. Dismissioni di altri beni immobili del Ministero della difesa
5.5. Dismissioni di terreni agricoli
6. La sdemanializzazione
7. Questioni giurisprudenziali

CAPITOLO III
USO E GODIMENTO DEI BENI DEMANIALI. CONCESSIONE, LOCAZIONE, COUSO

1. L’uso dei beni demaniali in ipotesi in cui siano posti a disposizione della collettività : uso comune, uso speciale, uso eccezionale
2. Le concessioni in uso e in locazione dei beni demaniali: il D.P.R. 13 settembre 2005 n. 296 (alla luce delle recentissime modifiche apportate dal d.l. 95/2012 convertito in legge 135/2012)
3. Valorizzazione dei beni demaniali: privatizzazione e cartolarizzazione
4. Un particolare regime concessorio: il couso
5. L’uso statale del bene privato: le locazioni passive (alla luce delle recentissime modifiche apportate dal d.l. 95/2012 convertito in l. 135/2012 e dalla l. 228/2012)
6. Questioni giurisprudenziali

CAPITOLO IV
IL FEDERALISMO DEMANIALE

1. Premessa
2. Le fonti
2.1. Le fonti costituzionali: il federalismo demaniale come elemento componente del sistema della finanza locale
2.2. La legge delega e quadro generale sul federalismo fiscale
2.3. Dal federalismo fiscale al federalismo demaniale
2.3.1. La laboriosa procedura di approvazione ed i termini dettati per l’esercizio della delega
3. Il decreto legislativo n. 80 del 28 maggio 2010
3.1. Premessa
3.2. Oggetto del decreto: l’obiettivo di valorizzazione funzionale dei beni oggetto di trasferimento
3.3. La disciplina dell’attribuzione del patrimonio: i principi
3.4. I beni
3.5. Procedure di trasferimento
3.6. I beni culturali
3.7. Lo status dei beni. 3.8 La procedura per l’alienazione dei beni trasferiti
4. Le modifiche al d.lgs. n. 85/2010
5. Questioni giurisprudenziali

CAPITOLO V
I BENI PATRIMONIALI: DISTINZIONI, CATEGORIE, CONDIZIONE GIURIDICA

1. Elementi distintivi dei beni patrimoniali: patrimonio disponibile
e indisponibile
2. Elencazione contenuta nell’art. 826 e 828 c.c.
2.1. Segue casistica:
a) Foreste
b) Miniere
c) Cave e torbiere
d) Cose d’interesse storico-artistico
e) Dotazione del Presidente della Repubblica
f) Caserme, armamenti, aeromobili militari e navi da guerra.
g) Categorie residuali: altri beni appartenenti al patrimonio indisponibile dello Stato e degli enti locali
3. Il regime giuridico dei beni patrimoniali indisponibili
4. Leggi speciali. Segue: Comunicato emanato dall’Agenzia del demanio del 25 ottobre 2012: “Regolamento di amministrazione e contabilità”
4.1. Circolare emanata dall’Agenzia del Demanio del 24 giugno 2010”Attribuzione a comuni, province, città metropolitane e regioni di un proprio patrimonio ai sensi dell’art. 19 della legge 5 maggio 2009, n. 42”
4.2. Circolare emanata dall’Agenzia del Demanio del 26 luglio 2010 “Attribuzione a Comuni, Province, Città Metropolitane e Regioni di un proprio patrimonio ai sensi dell’art. 19 della legge 5 maggio 2009, n. 42” 
5. Questioni giurisprudenziali

CAPITOLO VI
REGIME GIURIDICO DEI BENI PATRIMONIALI

1. Inizio e cessazione dell’indisponibilità
2. Amministrazione ed utilizzo
3. Concessioni
4. Questioni giurisprudenziali

CAPITOLO VII
TUTELA DEL DEMANIO E DEI BENI PATRIMONIALI

1. L’art. 823 c.c.: l’autotutela dei beni demaniali e sua estensione alla tutela ai beni del patrimonio indisponibile
2. L’art. 823 c.c.: norma programmatica o precettiva
3. Il procedimento amministrativo per l’esercizio dell’autotutela in relazione alla legge n. 241/1990
4. Sui limiti temporali per l’esercizio dell’autotutela e sulla alternatività o cumulabilità dell’autotutela con i mezzi ordinari a difesa della proprietà e del possesso
5. Il recupero delle indennità o dei canoni da parte del demanio per l’occupazione e/ l’utilizzazione di beni immobili
6. Sulla tutela dei beni pervenuti allo Stato da eredità vacanti ex art. 586 c.c.
7. Il rilascio di un bene appartenente al patrimonio disponibile: ordinanza di sgombero in via di autotutela esecutiva, possibilità di ricorso all’istituto delle ordinanze contingibili ed urgenti, ricorso al procedimento sommario o all’art. 700 c.p.c.
8. La normativa a tutela dei beni mobili o immobili di particolare significato ed interesse artistico o storico e l’esercizio del diritto di prelazione
9. Questioni giurisprudenziali

» (A cura di) Michele Iaselli. Funzionario del Ministero della Difesa con incarico di Capo Ufficio Demanio e Servitù Militari. Docente a contratto alla LUISS - Facoltà di Giurisprudenza.

Per ricevere
LE PROBLEMATICHE GIURIDICHE DEL DEMANIO
Maggioli Editore - Novità Marzo 2014
Pagine 410 - F.to cm. 17x24 - CODICE 8891601490

al prezzo speciale di euro 41,40
invece di euro 46,00 (sconto 10%)

clicchi su

ACQUISTO ON LINE

Deducibilità fiscale delle opere acquistate
La spesa documentata nella fattura - sempre allegata all'ordine - è fiscalmente deducibile ai sensi degli articoli 54-56 TUIR.

Garanzie a tutela del Suo acquisto
- Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore clienti.editore@maggioli.it
- Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.