Novità Marzo 2014

› Quadro normativo
› Effetti giuridici
› Documentazione antimafia
› White List

L'informazione prefettizia nel contratto d'appalto

• Casistica ricorrente
• Rassegna giurisprudenziale
• Formulario

L’INFORMAZIONE PREFETTIZIA NEL CONTRATTO D’APPALTO

Il Volume rappresenta un’utile ed agile guida al procedimento di informazione prefettizia come prevista in materia di appalti dal Codice antimafia.

Dopo un’attenta ricostruzione del quadro normativo e dei presupposti dell’istituto, l’Autrice esamina l’iter procedimentale e gli effetti giuridici che scaturiscono dal provvedimento.

Non mancano le indicazioni degli strumenti di tutela per il destinatario della procedura in atto e l’individuazione della giurisdizione.

Infine si analizza la casistica ricorrente e si completa il materiale con una specifica raccolta di giurisprudenza e un formulario specifico per la materia trattata.

Il volume è così strutturato:

CAPITOLO I
L’INFORMAZIONE PREFETTIZIA. EVOLUZIONE NORMATIVA
1. Introduzione
1.1. L’informazione prefettizia nel d.lgs. 8 agosto 1994, n. 490
2. L’informazione del Prefetto nel d.P.R. 3 giugno 1998, n. 252
3. L’informativa prefettizia nel codice antimafia ed il rinvio da parte
del legislatore dell’entrata in vigore di tali novità
3.1. La documentazione antimafia nel d.lgs. n. 159 del 2011
3.2. I soggetti sottoposti alla verifica
3.3. La validità della documentazione antimafia
3.4. Documentazione antimafia. Soggetti competenti al rilascio
e tempistica
4. La circolare del Ministero dell’interno n. 11001/119/20 dell’8 febbraio 2013
5. La cosiddetta White List
5.1. L’iscrizione nella White List

CAPITOLO II
NATURA E FUNZIONE DELL’INFORMATIVA PREFETTIZIA
1. Il dibattito sulla natura giuridica dell’informazione prefettizia
2. La ratio dell’istituto dell’informazione prefettizia
3. Le diverse tipologie di informazione prefettizia
4. La soppressione delle informazioni prefettizie cosiddette atipiche

CAPITOLO III
IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO
DI EMISSIONE DELL’INFORMATIVA PREFETTIZIA

1. L’istruttoria alla luce della più recente giurisprudenza in materia
2. La mancanza di istruttoria quale vizio legittimante il ricorso al TAR
3. La valutazione sui tentativi di infiltrazione mafiosa
4. La querelle sull’applicabilità dell’art. 7 della legge n. 241/1990
al procedimento di rilascio dell’informazione prefettizia
5. L’obbligo di motivazione dell’informazione prefettizia
6. Le informazioni prefettizie e l’esercizio del diritto di accesso. Un difficile connubio

CAPITOLO IV
GLI EFFETTI DELL’INFORMAZIONE PREFETTIZIA
1. Gli effetti dell’informazione antimafia interdittiva
2. Gli effetti dell’informazione prefettizia nel codice antimafia
3. Sulla possibilità di non revocare il contratto

CAPITOLO V
GLI STRUMENTI DI TUTELA
PER IL DESTINATARIO DELL’INFORMAZIONE PREFETTIZIA

1. Le informazioni prefettizie. Strumenti di tutela
2. Strumenti di tutela contro le informative prefettizie
3. Profili di giurisdizione

CAPITOLO VI
LE INFORMAZIONI PREFETTIZIE. CASISTICA
1. Premessa
2. Informazione prefettizia e rapporti di parentela
3. Assegnazione in gestione di beni sottratti alla mafia ed informativa prefettizia atipica
4. La frequentazione di soggetti malavitosi

RASSEGNA GIURISPRUDENZIALE

FORMULARIO
1. Ricorso al TAR avverso l’informazione prefettizia
2. Memoria difensiva del Ministero dell’interno
3. Richiesta informazione antimafia
4. Dichiarazione sostitutiva di certificazione di iscrizione alla camera di commercio

» Carmela Puzzo, Avvocato in Palermo.

Per ricevere
L’INFORMAZIONE PREFETTIZIA NEL CONTRATTO D’APPALTO
Maggioli Editore - Novità Marzo 2014 - Pagine 264
F.to cm. 15X21 - CODICE 8891602619

euro 34,00

clicchi su

ACQUISTO ON LINE

Deducibilità fiscale delle opere acquistate
La spesa documentata nella fattura - sempre allegata all'ordine - è fiscalmente deducibile ai sensi degli articoli 54-56 TUIR.

Garanzie a tutela del Suo acquisto
- Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore clienti.editore@maggioli.it
- Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.