Novità Giugno 2013





MANUALE DEL CONTENZIOSO NELLE LOCAZIONI




MANUALE DEL CONTENZIOSO NELLE LOCAZIONI
La conflittualità fra proprietario e locatario

Quest'Opera si configura come uno strumento di riferimento per i Professionisti che devono affrontare e risolvere le controversie tra proprietario e locatario.

Completato dalla più recente giurisprudenza di settore commentata,
il volume analizza l'aspetto contrattuale nelle sue singole clausole, definisce i diritti e gli obblighi di entrambi i soggetti nell'ambito del rapporto di locazione e illustra un quadro completo dei profili processualistici sia nelle tutele stragiudiziali che in quelle giudiziali.

Di grande spessore contenutistico, il Manuale approfondisce le tematiche relative ai vizi e molestie della cosa locata e della sublocazione, fornisce le soluzioni più accreditate alle questioni maggiormente controverse relative a successione e/o cessazione del contratto ed è così strutturato:

Capitolo I - Le locazioni ad uso abitativo
1. La locazione nella legge n. 431/1998: ambito di applicazione
• Forma scritta
2. Il contratto c.d. libero
3. I contratti di locazione di natura transitoria

• Decreto interministeriale del 5.3.1999
• Criteri per la definizione dei canoni di locazione e dei contratti tipo per gli usi transitori
• Decreto interministeriale del 30.12.2002
• Modelli di contratto e oneri accessori
• Decreto interministeriale del 10 marzo 2006
• Tabella oneri accessori
4. Il contratto per le esigenze abitative degli studenti universitari
• Criteri per definire i canoni dei contratti di locazione per studenti universitari e durata ai sensi dell’art. 3 del decreto ministeriale 30.12.2002
• Disciplina dei contratti di locazione per studenti universitari ai sensi del decreto interministeriale del 10 marzo 2006
5. Decreto interministeriale del 14 luglio 2004
6. Il contratto per uso foresteria
7. Il contratto turistico

• Contratti a distanza di servizi turistici
8. Il contratto per gli immobili storico - artistici
9. Norme particolari sulla locazione a stranieri

Capitolo II - La disciplina speciale
1. La locazione nella legge n. 392/1978: lineamenti
• Cenni sulle norme in vigore
• Locazione di immobili urbani ad uso diverso da quello di abitazione
2. La locazione nella legge n. 359/1992: lineamenti
3. La locazione nella legge n. 431/1998: lineamenti
4. Interventi per la riduzione del disagio abitativo per particolari categorie sociali. La legge 12 novembre 2004, n. 269: lineamenti

5. Sospensione dei provvedimenti di rilascio per finita locazione: legge 8 febbraio 2007, n. 9 (misure urgenti per i conduttori di immobili in condizioni di particolare disagio abitativo)
• Profili di costituzionalità
6. Decreto Legge 20 ottobre 2008 n. 158
7. Problemi di successione di leggi nel tempo e prosecuzione del rapporto locatizio

• Ambito di applicazione della legge n. 431/98

Capitolo III - La locazione degli immobili urbani ad uso commerciale o uso diverso
1. Premessa
2. Locazione commerciale, durata
3. Rinnovazione del contratto
4. Diniego di rinnovazione del contratto alla prima scadenza
5. La procedura per il rilascio
6. Le sanzioni
7. Aggiornamento del canone
8. Indennità per la perdita dell’avviamento
9. Sublocazione e cessione del contratto di locazione
10. Comunicazione al locatore della sublocazione o della cessione del contratto di locazione
11. Successione nel contratto
12. Il fallimento del locatore o del conduttore
13 Il diritto di prelazione e riscatto
14. Diritto di prelazione in caso di nuova locazione

Capitolo IV - Invalidità e inefficacia del contratto
1. Forma scritta e registrazione
• Obbligo di registrazione
2. Nullità delle pattuizioni contrarie alla legge
• Azioni di ripetizione e di riconduzione a condizioni conformi

Capitolo V - La locazione ed i terzi estranei al rapporto
1. Opponibilità della locazione ai terzi acquirenti e data certa del contratto (art. 1599, primo comma, c.c.)
• (Segue). Locazioni ultranovennali costituite prima dell’alienazione della cosa locata, ma non trascritte (art. 1599, terzo comma, c.c.)
• Detenzione anteriore al trasferimento (art. 1600 c.c.)
• Estinzione del diritto del locatore (art. 1606 c.c.)
2. Opponibilità della locazione nei riguardi del creditore pignorante l’immobile
3. Opponibilità della locazione nei riguardi del fallimento
4. Trasferimento dell’immobile, prelazione e diritti del conduttore nelle locazioni ad uso abitativo

• (Segue). Trasferimento dell’immobile, prelazione e diritti del conduttore nelle locazioni ad uso commerciale
5. Rivendiche o molestie arrecate dai terzi (artt. 1585, 1586 c.c.)

Capitolo VI - Vizi, molestie e sublocazione
1. I vizi dell’immobile
• La differenza tra vizio e guasto
2. La garanzia dovuta dal locatore
• Esclusione della garanzia: conoscenza e riconoscibilità del vizio
- L’esame della “diligenza” richiesta al conduttore
3. Limitazioni convenzionali alla garanzia per i vizi della cosa e il rapporto con l’art. 1578 c.c.
4. La risoluzione del contratto e la riduzione del canone
5. Il risarcimento del danno
6. Cose pericolose per la salute

• La genesi dell’ammissione del risarcimento del danno
7. La disciplina dei vizi sopravvenuti
8. Il contratto di sublocazione: definizione e natura giuridica

• La disciplina applicabile
• La presunzione di sublocazione e le persone non legate al conduttore da vincoli di parentela
9. La sublocazione totale
10. La sublocazione parziale
11. Il divieto di sublocare

• Le conseguenze dell’inosservanza del divieto
12. I rapporti tra locatore e subconduttore
• L’esercizio dell’azione diretta
13. Gli effetti delle vicende della locazione sulla sublocazione
14. Gli effetti della sentenza pronunciata tra le parti del contratto di locazione
15. Il divieto di innovazioni a carico del locatore

• La tutela del conduttore
16. La garanzia per molestie
17. Le molestie di diritto

• Il contenuto della garanzia
18. Le molestie di fatto
• Le molestie di fatto - rapporti tra condomini e conduttore
• Il contenuto della garanzia
• Le azioni che competono al conduttore
19. Le molestie del locatore
20. L’obbligo d’avviso e le molestie stragiudiziali
21. Danni per il rilascio ritardato dell’immobile

Capitolo VII - Successione e cessazione del contratto
1. La successione nel contratto nelle locazioni ad uso abitativo
• Morte del locatore
- Morte dell’usufruttuario locatore
• Morte del conduttore
- Rapporti con l’art. 1614 c.c.
- La nozione di “abituale convivenza”
- Successione congiunta
• Il convivente more uxorio
• Separazione personale tra coniugi
• Divorzio e scioglimento degli effetti civili del matrimonio
2. La successione nel contratto nelle locazioni ad uso commerciale
• Morte del conduttore
• Cessazione del rapporto di coniugio
• Immobile adibito all’uso di più professionisti, artigiani, commercianti
• Recesso del titolare del contratto
3. La cessione del contratto
• Le locazioni ad uso abitativo
• Le locazioni ad uso commerciale
- Cenni generali
- Ambito di applicazione
- Rapporti con l’art. 1594 c.c.
- Cessione di azienda
- La responsabilità del cedente
- La responsabilità del cessionario
- Le cd. cessioni plurime
- La comunicazione al locatore
- L’opposizione alla cessione del contratto
4. Il recesso anticipato del conduttore
• Nelle locazioni ad uso abitativo
• Nelle locazioni ad uso commerciale
5. Il recesso anticipato del locatore
• Nelle locazioni ad uso abitativo
- Cenni generali
- Questioni di legittimità costituzionale
- Casistica
• Nelle locazioni ad uso commerciale
6. Il diniego di rinnovo dei contratti ad uso abitativo alla prima scadenza (c.d. disdetta)
• Per motivi attinenti al locatore
• Per motivi attinenti al conduttore
• Per motivi oggettivi attinenti l’immobile locato
7. La apertura di trattative per il rinnovo del contratto
• Nelle locazioni ad uso abitativo
• Nelle locazioni ad uso commerciale
8. La prelazione al rinnovo della locazione
• Nelle locazioni ad uso abitativo
• Nelle locazioni ad uso commerciale
9. La prelazione all’acquisto dell’immobile
• Nelle locazioni ad uso abitativo
• Nelle locazioni ad uso non abitativo
- Principi generali
- Soggetti esclusi
- Natura giuridica
- Oggetto della prelazione
- I meccanismi della prelazione
- Il diritto di riscatto
10. Clausola di scioglimento del contratto in caso di alienazione dell’immobile
• Principi generali
• Alienazione a seguito di fallimento o esecuzione forzata
11. La risoluzione
• La risoluzione consensuale
• La risoluzione per inadempimento
- Nelle locazioni ad uso abitativo
- Nelle locazioni ad uso non abitativo
• La risoluzione per impossibilità sopravvenuta
12. La restituzione del deposito cauzionale e la richiesta di interessi
• Principi generali e natura giuridica
• Disciplina
13. Il verbale di rilascio

Capitolo VIII - Il diritto al rinnovo del rapporto locativo e la tutela dei soggetti deboli nella dismissione del patrimonio immobiliare pubblico
1. La genesi giuridico-economica del fenomeno delle dismissioni
2. (Segue) … e l’imprescindibile aspetto della tutela dei conduttori
3. I presupposti richiesti dalla legge per l’esercizio dei diritti di tutela
4. Il diritto al rinnovo del rapporto locativo per i soggetti in condizione economica disagiata. L’art. 3, c. 109, della Legge 23 dicembre 1996 n. 662 e l’art. 6 del D.lgs. 16 febbraio 1996 n. 104
5. La normativa prevista dall’art. 3 del D.L. 25 settembre 2001, n. 351 935
6. La tutela dei conduttori ultrasessantacinquenni e dei nuclei familiari con soggetti portatori di handicap

» G. Cassano, Avvocato.

Per ricevere
MANUALE DEL CONTENZIOSO NELLE LOCAZIONI
La conflittualità fra proprietario e locatario
Maggioli Editore - Novità Giugno 2013
pagine 942 - F.to cm. 17x24 - CODICE 82923
al prezzo speciale di euro 75,60
invece di euro 84,00 (sconto 10%)
clicchi su:

ACQUISTO ON LINE

Deducibilità fiscale delle opere acquistate
La spesa documentata nella fattura - sempre allegata all'ordine - è fiscalmente deducibile ai sensi degli articoli 54-56 TUIR.

Garanzie a tutela del Suo acquisto
- Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore clienti.editore@maggioli.it.
- Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.