FUNZIONARI AMMINISTRATIVO TRIBUTARI NELL'AGENZIA DELLE ENTRATE
ACQUISTA SUBITO
Novità aprile 2014
aggiornata alla L. 23/2014 (Delega Fiscale)


FUNZIONARI
AMMINISTRATIVO-TRIBUTARI
NELL'AGENZIA DELLE ENTRATE

Manuale per la preparazione al concorso

Programma completo per la prova oggettiva tecnico-professionale

› Diritto tributario › Diritto civile e commerciale
› Diritto amministrativo › Elementi di diritto penale
› Contabilità aziendale
› Organizzazione e gestione aziendale
› Scienza delle finanze › Elementi di statistica


Guida chiara ed esaustiva alla preparazione delle prove d’esame per il concorso pubblico a Funzionario amministrativo-tributario nell’Agenzia delle Entrate, che prevede una prova oggettiva tecnico-professionale consistente nella soluzione di quesiti a risposta multipla per accertare la conoscenza delle seguenti materie: diritto tributario diritto civile e commerciale diritto amministrativo elementi di diritto penale contabilità aziendaleorganizzazione e gestione aziendale scienza delle finanze elementi di statistica.

Questo nuovo manuale, aggiornato a tutti i più importanti provvedimenti emanati nei primi mesi del 2014, prende in esame tutte le discipline giuridiche, economiche e aziendalistiche tenendo conto dei quesiti proposti nei precedenti concorsi banditi dall’Agenzia per il medesimo profilo; ciò ha consentito di mirare al meglio la stesura del testo, con una particolare attenzione agli argomenti più ricorrenti.

1.
DIRITTO TRIBUTARIO
PARTE GENERALE
Le fonti del diritto tributario
1.1 La Costituzione: i principi.
1.2 Le fonti di diritto internazionale e il diritto europeo.
1.3 La legge ordinaria.
1.4 Le fonti secondarie.
1.5 L’interpretazione delle norme tributarie.
Natura e struttura del tributo
2.1 Natura e classificazione dei tributi.
2.2 I soggetti attivi.
2.3 I soggetti passivi dell’imposizione tributaria.
2.4 Il presupposto.
2.5 La base imponibile e l’aliquota.
L’applicazione del tributo: la dichiarazione e l’attività istruttoria
3.1 Il procedimento tributario.
3.2 La dichiarazione.
3.3 L’istruttoria.
L’accertamento e la riscossione
4.1 L’avviso di accertamento: natura.
4.2 La struttura ed i vizi dell’avviso di accertamento.
4.3 Alcune tipologie di accertamento.
4.4 La riscossione.
4.5 I rimborsi.
Le sanzioni in materia tributaria
5.1 Le sanzioni amministrative.
5.2 Le sanzioni penali.
La tutela del contribuente
6.1 Gli strumenti deflativi del contenzioso tributario.
6.2 Il contenzioso tributario.
PARTE SPECIALE
L’Irpef
1.1 Le imposte sui redditi in generale.
1.2 L’imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF).
L’Ires
2.1 I soggetti passivi. Il periodo di imposta. L’aliquota.
2.2 Le società di capitali e gli enti commerciali (art. 55 TUIR).
2.3 Le società commerciali: il calcolo della base imponibile.
2.4 I gruppi di società e il consolidato fiscale nazionale.
2.5 Il regime di trasparenza.
2.6 Gli enti non commerciali.
2.7 Le imprese non residenti (art. 151 TUIR).
2.8 Le operazioni straordinarie.
2.9 I redditi transnazionali.
2.10 L’Imposta Regionale sulle Attività Produttive (IRAP).
L’Iva
3.1 La natura e le fonti.
3.2 Il presupposto soggettivo: i soggetti passivi.
3.3 Il presupposto oggettivo: le operazioni imponibili, non imponibili, esenti.
3.4 Il meccanismo impositivo.
3.5 Gli adempimenti formali.
3.6 L’IVA sulle operazioni internazionali.
3.7 Le sanzioni in materia di IVA.
Altre imposte indirette
4.1 I dazi doganali.
4.2 Le imposte di fabbricazione (o accise).
4.3 L’imposta sugli intrattenimenti.
4.4 L’imposta di registro.
4.5 L’imposta di successione e donazione.
4.6 L’imposta di bollo.
4.7 Le tasse di concessione governativa.            
4.8 Le imposte ipotecaria e catastale.
       
2.
DIRITTO CIVILE E COMMERCIALE
I SOGGETTI, IL DIRITTO DELLE PERSONE E LE SUCCESSIONI
La persona fisica
1.1 Nozione di soggetto e di soggettività giuridica.
1.2 Le vicende inerenti alla persona fisica.
1.3 La sede giuridica della persona.
1.4 La capacità giuridica e la capacità di agire.
1.5 L’interdizione e l’inabilitazione.
1.6 L’incapacità naturale.
1.7 L’interdizione legale.
1.8 Gli istituti di protezione: responabilità genitoriale, tutela, curatela, amministrazione di sostegno.
Il rapporto giuridico e le situazioni soggettive
2.1 Il rapporto giuridico.
2.2 Le situazioni soggettive.
2.3 La prescrizione e la decadenza.
Le persone giuridiche
3.1 Definizione ed elementi costitutivi.
3.2 Le associazioni e le fondazioni.
3.3 Il riconoscimento e i suoi effetti.
3.4 La costituzione delle persone giuridiche.
3.5 Gli organi delle persone giuridiche.
3.6 L’estinzione delle persone giuridiche.
3.7 Le associazioni non riconosciute.
3.8 Comitati, organizzazioni di volontariato e ONLUS.
3.9 L’impresa sociale.
Le successioni e gli atti di liberalità
4.1 Le successioni per causa di morte: principi generali.
4.2 La successione legittima.
4.3 La successione testamentaria.
4.4 I diritti dei legittimari.
4.5 L’azione di petizione ereditaria.
4.6 I rapporti tra coeredi: comunione, divisione e collazione.
4.7 Il patto di famiglia.
4.8 Gli atti di liberalità tra vivi: le donazioni.
L’IMPRESA E LA SOCIETA'
L’imprenditore e l’impresa
1.1 La libertà di impresa e di mercato.
1.2 Il principio della libertà di concorrenza e i suoi limiti.
1.3 La nozione di impresa e i caratteri dell’attività di impresa.
1.4 L’organizzazione dell’impresa: l’azienda. Definizione, disciplina e vicende.
1.5 Le singole forme di impresa.
1.6 L’impresa familiare.
1.7 I segni distintivi dell’impresa: la ditta, l’insegna e il marchio.
1.8 Lo Statuto delle imprese.
Lo statuto dell’imprenditore commerciale
2.1 Il regime normativo dell’impresa commerciale.
2.2 L’iscrizione nel registro delle imprese.
2.3 La tenuta delle scritture contabili.
2.4 L’assoggettabilità alle procedure concorsuali.
2.5 La rappresentanza commerciale: institori, procuratori e commessi.
Forme di cooperazione tra imprenditori
3.1 I consorzi.
3.2 Le associazioni temporanee di imprese.
3.3 L’associazione in partecipazione.
3.4 Il Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE).
3.5 Il controllo e il collegamento tra le società.
3.6 Il gruppo di società. L’attività di direzione e coordinamento.
3.7 Il contratto di rete.
Le società
4.1 Nozione e costituzione delle società. Il contratto di società.
4.2 Le società unipersonali.
4.3 I singoli tipi societari.
4.4 Le società cooperative.
4.5 Le start-up innovative.
Le società di persone
5.1 La società semplice.
5.2 La società in nome collettivo.
5.3 La società in accomandita semplice.
Le società di capitali
6.1 La società per azioni.
6.2 La società a responsabilità limitata.
6.3 La società in accomandita per azioni.
6.4 L’estinzione delle società di capitali.
Le operazioni straordinarie
7.1 La trasformazione.
7.2 La fusione.
7.3 La scissione.
L’ATTIVITA' GIURIDICA
I fatti e gli atti giuridici
1.1 Fatti e atti nel diritto privato.
1.2 La pubblicità e la trascrizione.
1.3 La prova dei fatti giuridici.
Il negozio giuridico
2.1 Nozione e classificazione dei negozi giuridici.
2.2 Gli elementi essenziali del negozio giuridico.
2.3 Gli elementi accidentali del negozio giuridico.
La rappresentanza
3.1 Il fenomeno della rappresentanza.
3.2 La procura.
3.3 Capacità, vizi della volontà e stati soggettivi rilevanti.
3.4 La rappresentanza senza poteri, l’abuso e l’eccesso di poteri rappresentativi.
La patologia del negozio giuridico
4.1 Concetti generali.
4.2 La nullità.
4.3 L’annullabilità.
4.4 La convalida.
4.5 La rescissione.
I BENI E I DIRITTI REALI
I beni giuridici
1.1 La nozione di bene in senso giuridico.
1.2 Le categorie di beni: beni mobili, immobili e mobili registrati
1.3 Le pertinenze.
1.4 Le universalità patrimoniali.
1.5 I frutti e la fruttificazione.
1.6 I diritti sui beni: caratteri e distinzioni dei diritti reali.
La proprietà
2.1 Contenuto e funzione sociale della proprietà privata. Limiti al diritto di proprietà.
2.2 I modi di acquisto della proprietà.
2.3 Le azioni a difesa della proprietà.
2.4 La comunione e il condominio.
I diritti reali di godimento
3.1 Generalità e caratteristiche comuni.
3.2 La superficie.
3.3 L’enfiteusi.
3.4 Le servitù prediali.
3.5 L’usufrutto.
3.6 L’uso e l’abitazione.
Il possesso e l’usucapione
4.1 Nozione e caratteri del possesso.
4.2 Il possesso di buona fede e il principio del «possesso vale titolo (art. 1153 c.c.).
4.3 Le azioni possessorie.
4.4 Le azioni di nunciazione.
4.5 L’usucapione.
LE OBBLIGAZIONI E I CONTRATTI
L’obbligazione e il rapporto obbligatorio
1.1 Il concetto di obbligazione.
1.2 Gli elementi del rapporto obbligatorio.
1.3 I diversi tipi di obbligazione.
Le modificazioni soggettive del rapporto obbligatorio
2.1 Le modificazioni nel lato attivo del rapporto.
2.2 Le modificazioni nel lato passivo del rapporto.
2.3 La cessione del contratto.
L’estinzione delle obbligazioni
3.1 L’adempimento.
3.2 L’adempimento del terzo.
3.3 La prestazione in luogo dell’adempimento (cd. datio in solutum).
3.4 I modi di estinzione dell’obbligazione diversi dall’adempimento.
L’inadempimento e la responsabilità  patrimoniale del debitore
4.1 La responsabilità per inadempimento.
4.2 La mora del debitore e la mora del creditore.
4.3 Il risarcimento del danno.
4.4 La garanzia patrimoniale generica.
4.5 I mezzi di conservazione della garanzia patrimoniale.
Il sistema delle garanzie del credito
5.1 Il concorso dei creditori e le cause di prelazione.
5.2 I privilegi.
5.3 I diritti reali di garanzia.
5.4 Le garanzie personali.
Il contratto in generale
6.1 Definizione ed elementi essenziali del contratto.
6.2 Classificazione dei contratti.
6.3 La conclusione del contratto.
6.4 Le trattative e la responsabilità precontrattuale.
6.5 Il contratto preliminare.
6.6 Le condizioni generali di contratto.
6.7 Le clausole vessatorie e il Codice del consumo.
6.8 L’efficacia del contratto.
Il sinallagma e la risoluzione dei contratti
7.1 Il contratto a prestazioni corrispettive.
7.2 La risoluzione dei contratti.
7.3 Il diritto di recesso.
7.4 Gli effetti della risoluzione.
I principali contratti commerciali
8.1 I contratti per la circolazione dei beni.
8.2 I contratti per l’esecuzione di opere o la prestazione di servizi.
8.3 I contratti per la promozione o la conclusione di affari.
Le fonti non contrattuali del rapporto obbligatorio
9.1 Le obbligazioni nascenti da atti unilaterali.
9.2 Le obbligazioni derivanti dalla legge.
9.3 Le obbligazioni nascenti da fatto illecito.
I TITOLI DI CREDITO
I titoli di credito in generale
1.1 Profili generali.
1.2 Caratteristiche essenziali.
1.3 Classificazioni dei titoli di credito.
1.4 La creazione e l’emissione.
1.5 L’esercizio del diritto: il regime delle eccezioni cartolari.
1.6 L’ammortamento dei titoli di credito all’ordine e nominativi.
La cambiale
2.1 Nozione, tipi e requisiti.
2.2 Il regime di trasferimento della cambiale. La girata.
2.3 L’avallo.
2.4 Il pagamento e le azioni cambiarie.
2.5 Le azioni extracambiarie.
Gli assegni
3.1 Caratteristiche generali.
3.2 L’assegno bancario.
3.3 L’assegno circolare.
LE PROCEDURE CONCORSUALI
Il fallimento
1.1 Caratteristiche generali e ragioni della riforma.
1.2 I presupposti del fallimento.
1.3 La dichiarazione di fallimento.
1.4 Gli organi della procedura fallimentare.
1.5 Gli effetti del fallimento nei confronti del fallito.
1.6 Gli effetti del fallimento per i creditori.
1.7 Gli effetti sugli atti pregiudizievoli ai creditori. L’azione revocatoria.
1.8 Gli effetti sui contratti in corso.
1.9 Accertamento del passivo, liquidazione e ripartizione dell’attivo.
1.10 Chiusura del fallimento.
1.11 Il concordato fallimentare.
1.12 Il sovraindebitamento delle imprese non soggette a fallimento.
Le altre procedure concorsuali
2.1 Il concordato preventivo.
2.2 L’accordo di ristrutturazione dei debiti.
2.3 Il concordato con continuità aziendale.
2.4 La liquidazione coatta amministrativa.
2.5 L’amministrazione straordinaria delle grandi imprese in crisi.
2.6 L’amministrazione straordinaria per le imprese di grandidimensioni.
       
3.
DIRITTO AMMINISTRATIVO
Inquadramento del diritto amministrativo: funzioni e fonti
1.1 Caratteristiche del diritto amministrativo.
1.2 La pubblica amministrazione e la cura degli interessi pubblici.
1.3 La funzione politica e la funzione amministrativa.
1.4 Le fonti primarie dell’ordinamento nazionale.
1.5 Le fonti secondarie.
1.6 Atti normativi secondari ed atti amministrativi generali.
1.7 Le ordinanze di necessità ed urgenza.
1.8 Atti necessitati e bandi militari.
1.9 Le norme interne.
1.10 La prassi amministrativa.
1.11 Le fonti derivanti dal diritto europeo e gli atti giuridici dell’Unione europea.
Il pluralismo istituzionale: organi e competenze della P.A.
2.1 Quadro generale dell’organizzazione statale centrale.
2.2 L’organizzazione statale periferica.
2.3 Gli enti pubblici nel pluralismo istituzionale.
2.4 Le Autorità indipendenti.
2.5 L’influenza del diritto europeo.
2.6 Gli organi e gli uffici.
2.7 Attribuzione e competenza: definizioni e tipologie.
2.8 Il trasferimento di competenza.
2.9 Le relazioni tra gli organi.
2.10 Il controllo.
Il rapporto di lavoro alle  dipendenze della P.A.
3.1 Il cammino della privatizzazione.
3.2 La riforma Brunetta: il percorso inverso della rilegificazione.
3.3 Il sistema delle fonti del pubblico impiego.
3.4 La micro e la macro organizzazione.
3.5 La contrattazione collettiva.
3.6 La contrattazione integrativa.
3.7 L’accesso al pubblico impiego.
3.8 Il regime delle progressioni.
3.9 La modificazione soggettiva.
3.10 L’esercizio di mansioni superiori.
3.11 Il nuovo status del dipendente pubblico.
3.12 La responsabilità disciplinare dei dipendenti.
3.13 Il Codice di comportamento dei dipendenti pubblici.
L’esercizio della funzione amministrativa: attività discrezionale e provvedimentale
4.1 Discrezionalità amministrativa.
4.2 Discrezionalità tecnica, accertamento tecnico e discrezionalità mista.
4.3 Il merito.
4.4 Le posizioni soggettive.
4.5 Interessi diffusi e collettivi.
4.6 La class action nei confronti della P.A.
4.7 Gli atti amministrativi.
4.8 L’autorizzazione e le figure affini.
4.9 La segnalazione certificata di inizio attività (SCIA).
4.10 Il silenzio assenso in luogo dell’autorizzazione espressa.
4.11 La concessione.
4.12 Il permesso di costruire.
4.13 La comunicazione inizio lavori (CIL).
4.14 I provvedimenti restrittivi: gli atti ablatori.
4.15 Gli atti sanzionatori.
4.16 L’espropriazione.
L’informatizzazione nella P.A.
5.1 L’amministrazione digitale e le politiche normative di e-government.
5.2 Il Codice dell’amministrazione digitale.
5.3 La dematerializzazione dei documenti.
5.4 Firme elettroniche e firma digitale.
5.5 Le copie di atti e documenti informatici.
5.6 Il Sistema pubblico di connettività (SPC).
L’attività procedimentale della P.A.: la L. 241/1990
6.1 Nozione e funzione del procedimento amministrativo.
6.2 I principi generali dell’attività amministrativa.
6.3 L’obbligo di motivazione.
6.4 I principi europei interessati.
6.5 L’attività non autoritativa della pubblica amministrazione (art. 1, co. 1bis L. 241/1990).
6.6 La partecipazione al procedimento.
6.7 Il ruolo del responsabile del procedimento.
6.8 Il diritto di accesso civico.
6.9 La comunicazione di avvio del procedimento.
6.10 Il preavviso di diniego.
6.11 L’apporto collaborativo degli organi consultivi: pareri e valutazioni tecniche.
6.12 La conferenza di servizi.
6.13 Il silenzio della P.A. e l’obbligo di provvedere.
Autotutela amministrativa e stati viziati dell’atto
7.1 Il potere di autotutela.
7.2 L’autotutela decisoria: gli atti di ritiro.
7.3 La convalescenza dell’atto.
7.4 La patologia dell’atto amministrativo.
7.5 Il regime giuridico della nullità.
7.6 Il regime giuridico dell’annullabilità..
7.7 La conservazione dell’atto amministrativo.
Diritto di accesso e tutela della privacy
8.1 Le fonti interessate.
8.2 La legittimazione attiva al diritto di accesso.
8.3 La legittimazione passiva al diritto di accesso.
8.4 ll documento amministrativo quale oggetto del diritto di accesso.
8.5 Le ipotesi di esclusione.
8.6 La richiesta di accesso.
8.7 Il rito per l’accesso ai documenti amministrativi.
8.8 Il contrasto con la tutela della riservatezza.
La responsabilità giuridica della pubblica amministrazione
9.1 Profili generali.
9.2 Le tipologie della responsabilità civile.
9.3 Il danno come elemento costitutivo della responsabilità.
9.4 La responsabilità extracontrattuale della pubblica amministrazione.
9.5 La responsabilità da atto legittimo.
9.6 Ulteriori ipotesi di responsabilità: il danno da ritardo e il danno da disturbo.
9.7 La responsabilità contrattuale della pubblica amministrazione.
9.8 La responsabilità contrattuale negli accordi amministrativi.
9.9 La responsabilità da contatto qualificato.
9.10 La responsabilità precontrattuale della pubblica amministrazione.
9.11 La controversa natura giuridica della responsabilità precontrattuale della P.A.
I contratti della P.A.
10.1 L’attività di diritto privato della P.A. Limiti all’attività negoziale.
10.2 L’evidenza pubblica.
10.3 L’influenza del diritto europeo.
10.4 Fonti normative.
10.5 La nozione europea di appalto pubblico.
10.6 L’affidamento in house.
10.7 I contratti di partenariato pubblico-privato.
Profili di giustizia amministrativa
11.1 I ricorsi amministrativi.
11.2 Il ricorso gerarchico.
11.3 Il ricorso in opposizione.
11.4 Il ricorso straordinario al Capo dello Stato.
11.5 La funzione giurisdizionale nell’ordinamento giuridico italiano: la giurisdizione del giudice amministrativo.
11.6 La giurisdizione amministrativa nel Codice del processo amministrativo (D.Lgs. 104/2010).
11.7 I Tribunali amministrativi regionali.
11.8 La giurisdizione dei Tar: le tre direttrici.
11.9 Il giudizio di ottemperanza.
11.10 Il processo amministrativo come processo di parti.
11.11 I principi informatori del D.Lgs. 104/2010.
11.12 Le azioni esperibili dal privato nei confronti della P.A.
11.13 La giurisdizione del giudice ordinario nei confronti della P.A.
11.14 Le giurisdizioni speciali.
11.15 La giurisdizione del Tribunale delle acque.
11.16 La tutela giurisdizionale dinanzi alle Commissioni tributarie.
      
4.
ELEMENTI DI DIRITTO PENALE
Caratteristiche e principi del diritto penale
1.1 Concetto e caratteri del diritto penale.
1.2 Le fonti del diritto penale moderno.
1.3 Il principio di legalità.
1.4 I corollari del principio di legalità.
Ambito di validità della legge penale
2.1 Tempo del commesso reato.
2.2 Il principio di territorialità.
2.3 I reati commessi all’estero.
2.4 Il delitto politico.
2.5 Il riconoscimento delle sentenze penali straniere.
2.6 L’efficacia personale delle norme penali: le immunità.
Nozioni generali di teoria del reato
3.1 Il reato: concezione formale e sostanziale.
3.2 Il principio di offensività.
3.3 Delitti e contravvenzioni.
3.4 Il soggetto attivo del reato.
3.5 Il soggetto passivo del reato.
3.6 Classificazione dei reati.
Gli elementi costitutivi del reato
4.1 La tipicità.
4.2 Antigiuridicità e cause di giustificazione.
4.3 Le singole cause di giustificazione.
4.4 La colpevolezza: nozione e presupposti.
Imputabilità e criteri di imputazione del reato
5.1 Nozione e rapporti fra imputabilità e colpevolezza.
5.2 Le cause di esclusione dell’imputabilità.
5.3 I criteri di imputazione del reato.
Le circostanze del reato
6.1 Nozione.
6.2 Classificazione delle circostanze.
6.3 La disciplina delle circostanze.
6.4 Il concorso di circostanze. I criteri di applicazione delle circostanze
6.5 Le singole circostanze aggravanti comuni.
6.6 Le singole circostanze attenuanti.
6.7 Le attenuanti generiche.
6.8 La recidiva.
Le forme di manifestazione del reato
7.1 La consumazione del reato.
7.2 Il tentativo.
7.3 Desistenza e recesso attivo.
7.4 Il reato permanente e quello istantaneo.
7.5 Il reato abituale.
7.6 Il reato impossibile.
7.7 Nozioni introduttive.
7.8 La struttura del concorso.
7.9 Le circostanze del concorso.
7.10 Il concorso necessario e quello eventuale. Il concorso eventuale nei reati associativi.
7.11 La cooperazione colposa.
7.12 Concorso materiale di reati e concorso formale.
7.13 Il concorso apparente di norme e i criteri per identificarlo.
7.14 Il reato complesso.
7.15 Il reato continuato.
Punibilità e sistema sanzionatorio
8.1 Profili generali della punibilità.
8.2 Le cause di estinzione del reato.
8.3 Le cause di estinzione della pena.
8.4 La pena nella Costituzione.
8.5 Pene principali e pene accessorie.
8.6 L’esecuzione della pena e le misure alternative.
8.7 La commisurazione delle pene detentive.
8.8 Le sanzioni civili.
8.9 Le misure di sicurezza.
8.10 Classificazione delle misure di sicurezza.
8.11 Le misure di sicurezza patrimoniali: in particolare, la confisca.
8.12 La depenalizzazione e la disciplina dell’illecito amministrativo.
8.13 Le misure di prevenzione.
Delitti contro la pubblica amministrazione
9.1 Origine ed evoluzione della categoria.
9.2 Le singole figure incriminatrici.
9.3 I delitti di corruzione.
9.4 Le altre fattispecie incriminatrici.
9.5 Principali delitti dei privati contro la P.A.

5.
CONTABILITA' AZIENDALE
La contabilità generale e la partita doppia
1.1 La contabilità generale.
1.2 La rilevazione.
1.3 Il conto.
1.4 Sistemi di scritture.
1.5 Il metodo della partita doppia.
1.6 Conti accesi a valori numerari e conti accesi a valori economici.
1.7 La prima nota.
1.8 Gli obblighi contabili.
1.9 Scritture contabili obbligatorie secondo la normativa civilistica.
1.10 Scritture contabili obbligatorie secondo la normativa fiscale.
1.11 Contabilità direzionale.
1.12 Scritture contabili.
Scritture di costituzione e scritture di gestione
2.1 Scritture di costituzione.
2.2 Scritture di gestione.
Scritture di chiusura e scritture di riapertura
3.1 Scritture di assestamento.
3.2 Scritture di completamento.
3.3 Scritture di integrazione.
3.4 Scritture di rettifica.
3.5 Scritture di ammortamento.
3.6 Scritture di epilogo.
3.7 Scritture di chiusura generale dei conti.
3.8 Scritture di riapertura dei conti.
3.9 Storno dei risconti attivi e passivi.
3.10 Variazioni del capitale sociale.
Principi contabili nazionali e IAS
4.1 Introduzione.
4.2 I principi contabili internazionali.
4.3 I principi contabili nazionali.
4.4 Soggetti obbligati e soggetti esclusi dall’obbligo di applicazione dei principi contabili internazionali.
4.5 Presentazione del bilancio - IAS 1.
4.6 Principali differenze tra normativa nazionale e IAS.
Il bilancio di esercizio
5.1 Nozione e funzioni del bilancio di esercizio.
5.2 Principi di redazione del bilancio di esercizio.
5.3 Processo contabile di formazione del bilancio di esercizio.
5.4 Lo Stato patrimoniale.
5.5 Il Conto economico.
5.6 La Nota integrativa.
5.7 La relazione sulla gestione.
5.8 Criteri di valutazione degli elementi del bilancio di esercizio.
5.9 Il bilancio in forma abbreviata.
5.10 Il bilancio consolidato.
Analisi di bilancio e indici di bilancio
6.1 Introduzione alla riclassificazione del bilancio.
6.2 Conto economico a costo dei prodotti venduti.
6.3 Conto economico a valore aggiunto.
6.4 La riclassificazione dello Stato patrimoniale secondo il criterio finanziario.
6.5 Gli indici di bilancio.
6.6 Gli indici di redditività.
6.7 Gli indici di liquidità.
6.8 Gli indici di solidità.
6.9 La leva finanziaria.
6.10 L’analisi dei flussi finanziari.
6.11 Revisione e certificazione.
La contabilità industriale
7.1 Introduzione.
7.2 Le classificazioni dei costi.
7.3 I centri di costo.
7.4 Criteri di imputazione dei costi.
7.5 Tipologie di contabilità dei costi.
7.6 Fase di imputazione dei costi.

6.
ORGANIZZAZIONE E GESTIONE AZIENDALE
L’azienda
1.1 Il sistema azienda e l’economia aziendale.
1.2 L’impresa e l’azienda secondo il codice civile.
1.3 Gli stakeholder.
1.4 L’imprenditore, i manager e gli altri soggetti che operano nell’azienda.
1.5 Il soggetto giuridico e il soggetto economico.
1.6 Le aree della gestione e la ripartizione del reddito netto dell’esercizio.
L’organizzazione aziendale
2.1 L’organizzazione.
2.2 Divisione e meccanismi di coordinamento del lavoro.
2.3 Le diverse scuole di teorie organizzative.
2.4 Teoria dell’organizzazione scientifica del lavoro: lo Scientific Management.
2.5 Teoria della direzione amministrativa.
2.6 Il modello burocratico di Weber.
2.7 Human relations.
2.8 Motivazione del lavoro.
2.9 Approccio socio-tecnico.
2.10 Teoria dell’azione organizzativa.
2.11 Il modello di Mintzberg.
Le strutture e la progettazione organizzativa
3.1 La struttura organizzativa, i meccanismi operativi e lo stile direzionale.
3.2 Le rappresentazioni della struttura organizzativa.
3.3 La cultura organizzativa.
3.4 Fattori che influiscono sulla scelta del modello di struttura organizzativa.
3.5 Ordinamenti delle strutture organizzative.
3.6 Struttura elementare.
3.7 Struttura funzionale.
3.8 Struttura divisionale.
3.9 Struttura a matrice.
3.10 Struttura orizzontale.
3.11 La struttura ibrida.
3.12 L’organizzazione orientata alla creazione di valore.
3.13 Le forme organizzative reticolari.
3.14 I processi di esternalizzazione.
Evoluzione delle caratteristiche dei sistemi produttivi
4.1 Le nuove strutture organizzative.
4.2 Il Project Management.
4.3 Le tecniche di programmazione della produzione.
4.4 Le varie forme di flessibilità.
4.5 Flessibilità strategica.
4.6 Just in time.
4.7 Lean production.
4.8 L’evoluzione del sistema di produzione.
4.9 Evoluzione delle modalità produttive.
4.10 Flexible Manufactoring System.
La gestione aziendale
5.1 La gestione e le sue caratteristiche.
5.2 I concetti di esercizio e periodo amministrativo.
5.3 La gestione per operazioni.
5.4 La gestione per funzioni.
5.5 La gestione per processi.
5.6 La gestione per obiettivi.
5.7 L’aspetto finanziario e l’aspetto economico della gestione.
5.8 I cicli aziendali.
Pianificazione e controllo di gestione
6.1 Pianificazione strategica.
6.2 La programmazione: il budget.
6.3 Il controllo di gestione.
6.4 Modelli di controllo di gestione.
Il sistema informativo aziendale e gli strumenti del controllo di gestione
7.1 Il sistema informativo aziendale.
7.2 L’analisi degli scostamenti.
7.3 Il reporting.
7.4 Gli interventi correttivi.
7.5 Intranet aziendali, ERP e Knowledge Management.
Gestione strategica
8.1 La catena del valore di Porter.
8.2 Le strategie aziendali.
8.3 La strategia di focalizzazione.
8.4 La strategia dell’impresa leadership di costo.
8.5 La strategia di differenziazione.
8.6 La strategia di diversificazione.
8.7 La strategia verticale.
8.8 La strategia di internazionalizzazione.
La qualità totale e la certificazione di qualità
9.1 Nozione di qualità.
9.2 Dalla qualità nel processo di controllo delle lavorazioni al Total Quality.
9.3 La qualità totale come strategia.
9.4 La ruota di Deming.
9.5 I circoli di qualità.
9.6 Tecniche di controllo della qualità.
9.7 Quality Function Deployment.
9.8 La risposta europea: European Foundation for Quality Management (EFQM).
9.9 I sette strumenti statistici della qualità.
9.10 Il benchmarking.
9.11 La certificazione di qualità.
9.12 Il processo di certificazione.
9.13 Controllo direzionale e controllo operativo.

7.
SCIENZA DELLE FINANZE
La scienza delle finanze: le principali teorie
1.1 Scienza delle finanze: oggetto di studio e finalità.
1.2 Le principali teorie.
1.3 Le teorie politico-sociologiche.
1.4 Teorie volontaristiche.
1.5 Evoluzione storica dell’attività dello Stato nell’economia: finanza neutrale, finanza della riforma sociale, finanza congiunturale, finanza funzionale.
L’economia del benessere
2.1 Il raggiungimento dell’ottimo paretiano: i principi di efficienza ed equità.
2.2 Condizioni di ottimalità del prodotto e ottimo paretiano: l’ottimo sociale.
2.3 I due teoremi fondamentali dell’economia del benessere.
2.4 La funzione del benessere sociale.
I fallimenti del mercato e l’intervento dello Stato
3.1 I fallimenti del mercato.
3.2 I beni pubblici e le loro due caratteristiche: non escludibilità e non rivalità. La regola di Samuelson e la costruzione della curva residuale.
3.3 Il monopolio naturale.
3.4 Le esternalità.
3.5 Asimmetrie informative.
La teoria delle scelte collettive
4.1 Public Choices: inquadramento teorico.
4.2 I meccanismi di voto: dall’unanimità alle regole ottime di votazione.
4.3 Le regole della maggioranza.
4.4 Il teorema dell’impossibilità di Arrow.
Le entrate pubbliche
5.1 Definizione e criteri di classificazione delle entrate pubbliche.
5.2 Altre classificazioni delle entrate pubbliche.
5.3 Le imprese pubbliche.
Teoria dell’imposta
6.1 Definizione ed elementi costitutivi dell’imposta.
6.2 Metodi per la realizzazione della progressività.
6.3 La progressività e il caso dell’imposta sul reddito.
6.4 Classificazione delle imposte.
6.5 Gli effetti distorsivi delle imposte.
6.6 Gli effetti economici delle imposte e la teoria dell’incidenza.
Sistema tributario: generalità e principi
7.1 Il sistema tributario: principi generali.
7.2 Criteri di ripartizione del carico tributario: i principi economici.
7.3 I principi politici e tecnici..
7.4 L’ordinamento tributario italiano: i principi costituzionali.
7.5 Evoluzione del sistema tributario italiano.
7.6 L’attuazione delle norme tributarie.
La spesa pubblica: funzioni e finanziamento. I vincoli europei e il Patto di stabilità
8.1 Interventi stabilizzatori del reddito.
8.2 Il finanziamento della spesa pubblica.
8.3 La politica economica nell’Unione Europea.
La spesa per il welfare state
9.1 Il welfare state: nascita ed evoluzione del concetto di stato del benessere.
9.2 Il sistema pensionistico.
9.3 Il sistema sanitario.
9.4 L’istruzione.

8.
STATISTICA
Le rilevazioni statistiche
1.1 Introduzione alla Statistica.
1.2 La popolazione e le unità statistiche.
1.3 Le fasi di un’analisi statistica.
1.4 Errori campionari ed errori extra-campionari.
1.5 I caratteri statistici e le scale di misurazione.
1.6 Suddivisione in classi di modalità di un carattere quantitativo.
1.7 Le frequenze e le intensità.
1.8 Serie storiche e serie territoriali..
1.9 I numeri indici.
Distribuzioni di frequenza e rappresentazioni grafiche
2.1 Introduzione alle distribuzioni di frequenza.
2.2 Rappresentazioni grafiche.
2.3 Diagrammi a segmenti.
2.4 Istogrammi.
2.5 Poligoni di frequenza.
2.6 Curve di frequenza.
2.7 Grafici a torta.
2.8 Diagrammi a barre o a nastri.
2.9 Scatter plot.
2.10 Grafici radar.
2.11 Cartogrammi.
2.12 Ideogrammi.
2.13 Misure di sintesi statistiche.
Gli indici di posizione
3.1 Introduzione alle medie.
3.2 La media aritmetica.
3.3 La media geometrica.
3.4 La media armonica.
3.5 La media quadratica.
3.6 La moda.
3.7 La mediana.
3.8 I quantili.
La variabilità e l’eterogeneità
4.1 Introduzione alla variabilità.
4.2 Gli scostamenti semplici medi.
4.3 La varianza, la devianza e lo scarto quadratico medio.
4.4 Il coefficiente di variazione.
4.5 Il campo di variazione e la differenza interquartile.
4.6 Mutua variabilità.
4.7 La concentrazione.
4.8 L’eterogeneità.
La forma
5.1 Introduzione alla simmetria e alla curtosi.
5.2 Simmetria.
5.3 Curtosi.
5.4 I momenti.
Analisi statistica delle relazioni tra due caratteri
6.1 Distribuzioni multiple.
6.2 Distribuzioni doppie.
6.3 Distribuzioni marginali e distribuzioni condizionate.
6.4 Indipendenza in distribuzione e indipendenza in media.
6.5 Connessione tra caratteri statistici.
6.6 Regressione.
6.7 Correlazione.
Introduzione al calcolo delle probabilità e alle variabili casuali
7.1 Assiomatizzazione: i concetti primitivi.
7.2 Algebra degli eventi.
7.3 I postulati e i teoremi.
7.4 Altri approcci alla teoria della probabilità: approccio classico e approccio frequentista.
7.5 Probabilità condizionata, eventi indipendenti e teorema delle probabilità totali.
7.6 Teorema di Bayes.
7.7 Le variabili casuali e le loro distribuzioni di probabilità.
7.8 Valore medio e varianza di una variabile casuale.
7.9 Covarianza di variabili casuali.
7.10 Variabile casuale Binomiale.
7.11 Variabile casuale Normale.
7.12 Teorema del limite centrale.
Introduzione al campionamento e alla teoria della stima
8.1 Popolazione e campione.
8.2 Campionamento da popolazioni finite.
8.3 Campionamento da popolazioni infinite.
8.4 Statistiche e distribuzioni campionarie.
8.5 Stimatori e stime.
8.6 Proprietà di uno stimatore.
8.7 Stimatori puntuali.
8.8 Metodo dei minimi quadrati.
8.9 Stima per intervallo della media di una popolazione Normale con varianza nota.   

Per ricevere, senza spese di spedizione,
FUNZIONARI AMMINISTRATIVO-TRIBUTARI
NELL'AGENZIA DELLE ENTRATE
Manuale per la preparazione al concorso

Maggioli Editore • Novità aprile 2014
• Pagine 1.232 • F.to cm. 17x24 • Codice 0497.2

Euro 48,60 anziché Euro 54,00
clicchi su:

ACQUISTO ON LINE
Garanzie a tutela del Suo acquisto
- Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore: Tel. 0541/628200 - servizio.clienti@maggioli.it.
- Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.

<<TORNA ALLA PAGINA INIZIALE