CHIUSURA DEI CONTI E REDAZIONE DEL BILANCIO 2012
Novità febbraio 2013

CHIUSURA DEI CONTI E REDAZIONE DEL BILANCIO 2012
Aspetti di tecnica ragionieristica
› Normativa generale
› Trattazione analitica di ogni singola voce
del bilancio “italiano” in IV direttiva
› Bilancio consolidato

› Esempi pratici


Aggiornata con la Legge di stabilità 2013 (Legge 24 dicembre 2012 n. 228)


La tenuta di una corretta contabilità è strumentale alla redazione di un bilancio di esercizio che possa rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria della società, nonchè il risultato economico di esercizio.

La terza edizione di questa apprezzata Guida operativa - aggiornata con le più recenti circolari ministeriali e pronunce giurisprudenziali e con le novità intervenute a seguito della Riforma “Fornero” (L. n. 92/2012), del Decreto Sviluppo (D.L. n. 83/2012, convertito in L. n. 134/2012), della Legge di stabilità per il 2013 e dal Bilancio di previsione dello Stato (ddl n. 3585) - attraverso un'esposizione metodologica fornisce la prassi corrente, i riferimenti alle norme di legge o ai principi elaborati dalla dottrina aziendalistica con il supporto di strumenti pratici - check list, esempi, guide - nel dettaglio dei seguenti capitoli:

1. Introduzione

1.1. Modalità di tenuta delle scritture contabili
1.2. La regolare tenuta della contabilità (art. 2219 del C.C.)
1.3. La contabilità generale
1.4. Relazione sulla gestione
1.5. Rendiconto finanziario
1.6. Bilancio abbreviato e bilancio consolidato: cenni
1.7. I fatti intervenuti tra la data di chiusura e la data di finalizzazione del bilancio
1.8. Tempistica per l’approvazione del bilancio
2. Bilancio
2.1. Stato patrimoniale
2.2. Conto economico
2.3. Conti d’ordine
3. Immobilizzazioni immateriali
• Obiettivi
• Check list
4. Immobilizzazioni materiali
• Obiettivi
• Check list
4.1. I beni in leasing
4.2. Autoveicoli aziendali
4.3. I contributi
5. Immobilizzazioni finanziarie
• Obiettivi
5.1. Titoli immobilizzati
5.2. Azioni proprie
• Check list
6. Rimanenze
• Obiettivi
6.1. L’inventario fisico
• Check list
6.2. Il sistema di controllo interno del ciclo rimanenze
6.3. Lavori in corso su ordinazione.
• Check list
7. Crediti
• Obiettivi
7.1. Svalutazione e perdite su clienti
• Check list
7.2. Il sistema di controllo interno per il ciclo attivo (crediti)
7.3. Partecipazioni comprese nel circolante
7.4. Titoli compresi nel circolante
• Check list
8. Disponibilità liquide
• Obiettivi
• Check list – Cassa e banche
• Check list – Cash
8.1. Il ciclo Tesoreria
9. Ratei e risconti
• Check list
10. Patrimonio netto
• Obiettivi
• Check list
11. Fondi per rischi e oneri e passività potenziali
• Check list
12. Trattamento di fine rapporto
• Obiettivi
• Check list
13. Debiti e altre passività
• Obiettivi
• Check list
13.1. Il sistema di controllo del ciclo passivo.
14. Ratei e risconti passivi
• Check list
15. Conti d’ordine
• Check list
16. Conto economico
16.1. Ricavi delle vendite e delle prestazioni
• Check list
16.2. Altri ricavi e proventi
• Check list
16.3. Costi
17. Conversione delle poste in valuta estera
• Check list 1
• Check list 2
18. Imposte
• Obiettivi
18.1. Consolidato fiscale
18.2. Trasparenza fiscale
• Check list
19. Altre informazioni
19.1. Patrimoni destinati ad uno specifico affare
19.2. Fusione e scissione
19.3. Altre informazioni
20. Bilancio consolidato
20.1. Schemi di bilancio
20.2. Nota integrativa e relazione sulla gestione
20.3. Casi particolari

A. Cavaliere, Dottore Commercialista e Revisore Legale dei conti.

Per ricevere
CHIUSURA DEI CONTI E REDAZIONE DEL BILANCIO 2012
Maggioli Editore • III edizione febbraio 2013
• Pagine 306 • F.to cm. 21x29,7 • ISBN 7914.5
• Euro 35,10 anziché Euro 39,00
clicchi su:

ACQUISTO ON LINE
Garanzie a tutela del Suo acquisto
- Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore: Tel. 0541/628200 - servizio.clienti@maggioli.it.
- Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.