COMPENDIO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE
Novità febbraio 2013

COMPENDIO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

V edizione aggiornata con L. 24 dicembre 2012, n. 228 (Legge di stabilità 2013 - Misure per la giustizia digitale), L. 17 dicembre 2012, n. 221, di conv. del D.L. 179/2012 (Decreto sviluppo-bis - Misure per il processo telematico)

Riferimenti dottrinali e giurisprudenziali

La quinta edizione di questo nuovo volume tiene conto dei più recenti interventi legislativi che hanno interessato il processo civile, con chiari intenti di semplificazione dello stesso e di deflazione del carico processuale:
› L. 24 dicembre 2012, n. 228 (Legge di stabilità 2013) che ha introdotto importanti novità in materia di giustizia digitale, da un lato rendendo obbligatorio, a partire dal 30 giugno 2014, il deposito per via telematica degli atti processuali, dall’altro sancendo l’ingresso della posta elettronica certificata anche nella procedura del pignoramento presso terzi;
› L. 17 dicembre 2012, n. 221 (di conversione del D.L. 179/2012, cosiddetto decreto sviluppo-bis), che, con l’obiettivo di dare ulteriore impulso al processo di digitalizzazione della giustizia, ha arricchito il quadro delle regole necessarie al funzionamento a regime del processo telematico, disponendo che nei procedimenti civili le notificazioni e le comunicazioni a cura della cancelleria vanno effettuate esclusivamente per via telematica;
› L. 7 agosto 2012, n. 134 (di conversione del D.L. 83/2012, cosiddetto decreto sviluppo), che è intervenuto sulla giustizia civile innovando la disciplina delle impugnazioni sia di merito che di legittimità, allo scopo di migliorarne l’efficienza ed evitare la sistematica violazione dei tempi di ragionevole durata del processo;
› L. 28 giugno 2012, n. 92 (cd. riforma Fornero) che, nel quadro di una rivisitazione globale della disciplina in tema di licenziamenti individuali, ha introdotto un rito speciale abbreviato per le controversie aventi ad oggetto l’impugnativa del licenziamento ed eventuali problematiche di qualificazione del rapporto di lavoro ad esso collegate.

L'opera tiene anche conto della sentenza n. 272/2012 con cui la Corte costituzionale ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 5 del D.Lgs. 28/2010 nella parte in cui ha previsto l’obbligo della mediazione quale condizione di procedibilità della domanda giudiziale in un numero importante ed eterogeneo di controversie, nonché, in via consequenziale, delle altre disposizioni le quali presuppongono che in alcune ipotesi la mediazione sia obbligatoria per legge.

Questa l'organica struttura dell'opera nel dettaglio:

Parte
prima
PRINCIPI GENERALI
L’attività giurisdizionale
Il processo civile e le fonti costituzionali.
Le fonti e le riforme del rito civile.
L’efficacia della legge processuale.
La giurisdizione
La giurisdizione.
I vari tipi di giurisdizione civile.
Giudizio secondo diritto o secondo equità.
Gli strumenti alternativi alla giurisdizione.
Il momento determinante della giurisdizione.
Le questioni di giurisdizione
› Il difetto di giurisdizione.
› Il regolamento di giurisdizione.
La competenza
Nozione.
La competenza per valore.
La competenza per materia.
La competenza per territorio.
Rilevabilità dell’incompetenza.
Regolamento di competenza.
Modificazioni della competenza
La litispendenza.
La continenza.
La connessione
› Tipologie.
› Effetti.

Parte
seconda
I SOGGETTI DEL PROCESSO
Gli organi giudiziari
Il giudice.
Composizione del Tribunale
› Tribunale in composizione monocratica e collegiale.
› I rapporti tra collegio e giudice monocratico.
I poteri del giudice.
Il pubblico ministero.
Astensione e ricusazione.
Gli organi ausiliari
› Il cancelliere.
› L’ufficiale giudiziario.
› Il consulente tecnico d’ufficio (CTU).
› Altri ausiliari.
› La responsabilità degli ausiliari.
Le parti e i difensori
La parte.
La capacità processuale.
La sostituzione processuale.
Il difensore.
La procura alle liti
› Il conferimento e il contenuto della procura.
› Il patrocinio a spese dello Stato.
I doveri delle parti e dei difensori.
Le spese processuali.

Parte
terza
L'ESERCIZIO DELL'AZIONE E GLI ATTI PROCESSUALI
L’esercizio dell’azione
I principi del processo civile.
Presupposti processuali e condizioni dell’azione.
Gli elementi e i tipi di azione.
La class action italiana.
Il litisconsorzio.
L’intervento.
L’estromissione.
La successione nel processo.
Gli atti processuali
Principi generali.
Gli atti di parte e del pubblico ministero.
Gli atti del cancelliere e le comunicazioni.
I provvedimenti del giudice
› Nozioni introduttive.
› La sentenza.
› L’ordinanza.
› Il decreto.
Le notificazioni
› Nozioni introduttive.
› Le forme della notificazione.
› La notificazione degli avvocati.
› La notificazione di documenti informatici.
› Le comunicazioni e le notificazioni nel processo civile digitalizzato.
› Le specifiche tecniche per l’adozione nel processo delle tecnologie dell’informazione e comunicazione.
I termini.
La nullità degli atti.

Parte
quarta
IL PROCESSO DI COGNIZIONE
La fase introduttiva e l’istruzione della causa
Caratteristiche e fasi del processo di cognizione.
L’atto di citazione.
Nullità della citazione.
Costituzione in giudizio delle parti.
Iscrizione della causa al ruolo, formazione del fascicolo d’ufficio, designazione del giudice istruttore.
Mancata o ritardata costituzione delle parti.
Il giudice istruttore.
La trattazione della causa
Prima comparizione delle parti e trattazione della causa
› Funzione della fase preparatoria del giudizio e principi ispiratori degli interventi di riforma.
› Mancata comparizione delle parti.
› Difetto di rappresentanza o di autorizzazione.
› L’udienza ex art. 183 c.p.c.
I provvedimenti del giudice istruttore.
I provvedimenti anticipatori di condanna.
L’intervento di terzi.
La riunione dei procedimenti.
Rimessione in decisione.
L’istruzione probatoria
Nozioni introduttive.
Classificazione dei mezzi di prova.
L’assunzione di mezzi di prova.
Ammissione e preclusioni.
I singoli mezzi di prova
La consulenza tecnica.
Le prove documentali
› Le prove documentali tipiche: l’atto pubblico e la scrittura privata.
› Il riconoscimento e la verificazione della scrittura privata.
› La querela di falso.
La confessione giudiziale e l’interrogatorio formale.
Il giuramento.
La prova per testimoni
› Nozione ed ambito di operatività.
› Limiti di ammissibilità.
› Aspetti procedurali.
Un nuovo mezzo di prova: la testimonianza scritta.
Le ispezioni, le riproduzioni meccaniche e gli esperimenti.
Il rendimento dei conti.
L’esibizione delle prove.
La decisione della causa
La decisione collegiale.
Forma dei provvedimenti.
Il procedimento davanti al Tribunale in composizione monocratica.
I rapporti tra collegio e giudice monocratico.
L’esecutorietà delle sentenze.
La correzione delle sentenze e delle ordinanze.
L’integrazione dei provvedimenti istruttori.
Le vicende anomale del processo
Il procedimento in contumacia.
La sospensione del processo.
L’interruzione del processo.
L’estinzione del processo.
Il procedimento davanti al Giudice di pace
Nozione e competenza.
La fase introduttiva del giudizio.
Trattazione della causa.
La fase della decisione.
La conciliazione in sede stragiudiziale.
Il procedimento sommario di cognizione
Caratteri dell’istituto e ambito di applicazione.
La domanda introduttiva e la costituzione delle parti.
Il procedimento.
Il regime di impugnazione.

Parte
quinta
LE IMPUGNAZIONI
Le impugnazioni: caratteri generali
Giudicato formale e sostanziale.
Caratteri e tipologia dei mezzi di impugnazione.
I termini per impugnare.
L’acquiescenza.
Litisconsorzio ed impugnazioni.
Le impugnazioni incidentali.
Effetti dell’impugnazione.
L’appello
Nozione dell’istituto e appellabilità delle sentenze.
Il procedimento
› Appello principale e incidentale.
› Il divieto di ius novorum: le novità introdotte dalla L. 69/2009.
› Improcedibilità e inammissibilità.
› Un’ulteriore ipotesi di inammissibilità: il cd. filtro in appello.
La trattazione.
La decisione della causa.
Il ricorso per cassazione
La Corte di cassazione.
Sentenze impugnabili.
Motivi di ricorso.
L’istituto del filtro in Cassazione.
Il ricorso.
Controricorso e ricorso incidentale.
Il procedimento
› Nozioni introduttive.
› La decisione in camera di consiglio.
› La discussione in pubblica udienza.
La decisione.
Il giudizio di rinvio.
Rinuncia al ricorso.
Correzione degli errori materiali.
La revocazione e l’opposizione di terzo
La revocazione
› Nozione.
› I casi di revocazione.
Il procedimento di revocazione.
L’opposizione di terzo.
  
Parte
sesta
IL PROCESSO DI ESECUZIONE
Gli atti preliminari del processo esecutivo
Nozioni generali
› Finalità del processo esecutivo.
› Tipologie di azioni esecutive.
Il titolo esecutivo.
Il titolo esecutivo europeo.
Il precetto.
L’espropriazione forzata in generale
L’espropriazione forzata
› Definizione concettuale dell’istituto.
› Notifiche, comunicazioni e avvisi.
Il pignoramento.
La conversione del pignoramento
› Definizione e presupposti applicativi.
› Modalità procedurali.
L’intervento dei creditori
› La notifica dell’avviso.
› Intervento tempestivo e intervento tardivo: diversità degli effetti.
La vendita e l’assegnazione.
La distribuzione della somma ricavata.
Espropriazione mobiliare presso il debitore
Ratio e ambito di applicazione dell’istituto.
Limiti alla pignorabilità.
Modalità formali e temporali.
Custodia dei beni pignorati
› Modalità della custodia.
› Pluralità di pignoramenti.
L’intervento dei creditori.
L’assegnazione e la vendita
› Disciplina generale.
› Vendita senza incanto o a mezzo commissionario.
› Vendita all’incanto.
› Delega delle operazioni di vendita.
› L’integrazione del pignoramento.
Distribuzione della somma ricavata.
Espropriazione presso terzi
Il pignoramento.
Obblighi e dichiarazione del terzo
› Gli obblighi a carico del terzo.
› La dichiarazione del terzo.
Assegnazione e vendita.
Espropriazione immobiliare
Il pignoramento
› Inquadramento dell’istituto.
› Modalità formali.
L’intervento dei creditori.
La vendita
› Disciplina generale.
› Vendita senza incanto.
› Vendita con incanto.
› Versamento del prezzo e trasferimento del bene.
Delega delle operazioni di vendita.
L’assegnazione.
La distribuzione della somma ricavata.
Forme speciali di espropriazione
L’espropriazione di beni indivisi.
L’espropriazione contro il terzo proprietario.
L’esecuzione in forma specifica
Definizione dell’istituto.
L’esecuzione per consegna o rilascio.
L’esecuzione forzata degli obblighi di fare e di non fare.
Attuazione degli obblighi di fare infungibile o di non fare.
Le opposizioni esecutive
Finalità dell’istituto.
L’opposizione all’esecuzione.
L’opposizione agli atti esecutivi.
L’opposizione in materia di lavoro, previdenza e assistenza.
Le opposizioni di terzo.
Sospensione ed estinzione del processo esecutivo
La sospensione.
L’estinzione.

Parte
settima
I PROCEDIMENTI SPECIALI
I procedimenti sommari
Il procedimento di ingiunzione
› Proposizione della domanda e prove.
› Giudice competente e contenuto del ricorso.
› Esame del ricorso, emissione del decreto ingiuntivo e notifica.
› L’esecuzione provvisoria.
› Opposizione al decreto ingiuntivo.
La convalida di sfratto
› Finalità del procedimento.
› Forma dell’intimazione.
› La prima udienza.
› L’opposizione.
L’opposizione tardiva.
I procedimenti cautelari e possessori
Nozioni introduttive.
La disciplina generale
› Forma della domanda e giudice competente.
› Il procedimento: la concessione o il diniego dei provvedimenti cautelari.
› L’inefficacia.
› Il controllo: riesame e reclamo.
› L’attuazione.
Il sequestro.
Le azioni di nunciazione: denuncia di nuova opera o di danno temuto.
I procedimenti di istruzione preventiva.
I provvedimenti d’urgenza.
I procedimenti possessori.
La volontaria giurisdizione e i procedimenti in camera di consiglio
La volontaria giurisdizione: definizione e finalità.
Teorie sulla natura della volontaria giurisdizione.
Il procedimento di volontaria giurisdizione.
I procedimenti in camera di consiglio.
I procedimenti in materia di stato e capacità
I procedimenti di separazione e divorzio
› La separazione personale dei coniugi: considerazioni generali.
› La separazione giudiziale.
› La separazione consensuale.
› Il divorzio.
Nuove regole uniformi europee in materia di legge applicabile alle controversie in tema di separazione e divorzio.
Il ruolo della mediazione familiare nei procedimenti di separazione e divorzio.
Interdizione, inabilitazione e amministrazione di sostegno
› Nozioni introduttive.
› Il procedimento.
Assenza e dichiarazione di morte presunta
› La dichiarazione di assenza.
› La dichiarazione di morte presunta.
Ordini di protezione contro gli abusi familiari
› Disciplina generale.
› Procedimento.
Altri procedimenti speciali
Copia e collazione degli atti pubblici.
I procedimenti relativi all’apertura delle successioni
› Autorizzazione a vendere beni ereditari.
› Apposizione dei sigilli.
› Accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario.
Lo scioglimento di comunioni.
Il processo di liberazione degli immobili dalle ipoteche.
Il riconoscimento delle sentenze straniere.
Il rito societario e la sua abrogazione ad opera della L. 69/2009.
L’arbitrato
Nozioni introduttive e distinzione tra arbitrato rituale e irrituale.
Le convenzioni d’arbitrato: compromesso e clausola compromissoria.
Gli arbitri
› Nomina e sostituzione.
› Responsabilità.
› Compenso.
› Ricusazione.
Il procedimento.
Il lodo
› Nozione e termine per l’approvazione.
› La decisione degli arbitri.
› L’efficacia del lodo.
› Reclamo e correzioni.
Le impugnazioni
› Nozioni introduttive.
› Impugnazione per nullità.
› Revocazione ed opposizione di terzo.
L’arbitrato secondo regolamenti precostituiti (cosiddetto arbitrato amministrato).
Il lodo straniero
› Procedimento di riconoscimento ed esecuzione.
› Opposizione e rifiuto del riconoscimento o dell’esecuzione.
Controversie in materia di lavoro
I caratteri generali del rito
› Nozioni introduttive.
› L’applicabilità del rito.
› La competenza.
Il tentativo di conciliazione
› Il tentativo obbligatorio di conciliazione ante riforma.
› Il tentativo di conciliazione dopo la L. 183/2010.
› La conciliazione preventiva obbligatoria nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo.
› La risoluzione arbitrale della controversia.
› Altre modalità di conciliazione ed arbitrato.
› Le clausole compromissorie.
› Le controversie relative ai rapporti di lavoro con le P.A.
La domanda ed il procedimento in primo grado.
Il mutamento del rito.
L’udienza di discussione della causa.
La decisione
› La sentenza.
› L’esecutorietà della sentenza.
L’appello.
Il rito speciale per le controversie in tema di licenziamenti.
Le controversie in materia di previdenza ed assistenza obbligatorie.
Le controversie in materia di locazione, di comodato e di affitto.
Le controversie in materia di risarcimento dei danni per morte o lesioni conseguenti ad incidenti stradali.
La riduzione e semplificazione dei riti
Unificazione e semplificazione dei riti: premessa metodologica.
La delega ex art. 54 L. 69/2009.
Il decreto sulla semplificazione dei procedimenti civili.
Le disposizioni generali.
I procedimenti regolati dal rito del lavoro
› I procedimenti in materia di opposizione a ordinanza-ingiunzione.
› I procedimenti in materia di opposizione al verbale di accertamento di violazione del codice della strada.
› Le ulteriori controversie assoggettate al rito del lavoro.
I procedimenti regolati dal rito sommario di cognizione.
I procedimenti regolati dal rito ordinario di cognizione.
La mediazione delle  controversie civili e commerciali
L’attuazione della delega sulla mediazione.
Ambito di applicazione della riforma.
I tipi di mediazione.
La incostituzionalità della mediazione obbligatoria.
Gli organismi di mediazione.
Il procedimento.
Esito del procedimento ed efficacia dell’accordo raggiunto.
La mediazione nell’azione di classe.
Conclusioni sullo stato di attuazione della normativa in materia di mediazione e conciliazione.


Per ricevere
COMPENDIO DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE
Maggioli Editore • V edizione febbraio 2013
• Pagine 474 • F.to cm. 15x21 • ISBN 7758.5
• Euro 18,00 anziché Euro 20,00
clicchi su:

ACQUISTO ON LINE
Garanzie a tutela del Suo acquisto
- Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore: Tel. 0541/628200 - servizio.clienti@maggioli.it.
- Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.