LA PROVA ORALE DEL CONCORSO A CATTEDRE NELLA SCUOLA PRIMARIA E NELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO
Novità febbraio 2013

LA PROVA ORALE DEL CONCORSO
A CATTEDRE NELLA SCUOLA PRIMARIA E NELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

Manuale per la prova orale
› Competenze disciplinari e Avvertenze generali
› Aggiornato alle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo (decreto 16 novembre 2012, n. 254)

Con più di 60 argomenti per motivare le scelte didattiche della lezione simulata


Il manuale, indispensabile strumento di preparazione alla prova orale del concorso a cattedre per l’insegnamento nella scuola primaria e nella scuola secondaria di I grado, segue fedelmente le indicazioni sia delle Avvertenze generali alle prove d’esame sia del Programma d’esame pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 75 del 25 settembre 2012 e offre una trattazione articolata in:
› La scuola primaria e secondaria di I grado Analisi dei processi di riordino dalla riforma Moratti alle nuove Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola della infanzia e del primo ciclo di istruzione (approvate con decreto 16 novembre 2012 n. 254 e pubblicate in Gazzetta Ufficiale 5 febbraio 2013).
› Requisiti culturali e professionali dei docenti Fondamenti di psicologia dello sviluppo e psicologia dell’educazione. Progettazione didattica. Valutazione interna ed esterna delle istituzioni scolastiche. Legislazione scolastica. Stato giuridico dei docenti. Formazione in servizio e aggiornamento professionale dei docenti. L’Invalsi e l’Agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica.
› Problematiche educative e didattiche Il processo educativo. Lo sviluppo della personalità del fanciullo. Principi di igiene scolastica. Sussidi didattici e tecnologie educative. Documentazione, verifica e valutazione nell’ambito dell’istituzione scolastica. Programmazione ed organizzazione didattica. Didattica delle discipline e interdisciplinarità. Organizzazione della scuola primaria: tempo normale e tempo pieno. L’insegnante di sostegno.
› Argomenti di pedagogia, psicologia, metodologia e didattica per il colloquio della prova orale: questa parte particolarmente utile ai fini della prova orale, sviluppa più di 60 argomenti che costituiscono altrettanti esempi di trattazione ed argomentazione con cui il candidato potrà approfondire e motivare, nel corso del colloquio successivo alla lezione simulata, i contenuti, le scelte didattiche e metodologiche adottate nello svolgimento della lezione stessa.

Il volume, aggiornato alle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo approvate con decreto 16 novembre 2012, n. 254 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 5 febbraio 2013) si sviluppa organicamente in:

1.
LA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO NEL NUOVO SCENARIO RIFORMISTICO: RIFORMA MORATTI (2004), RIFORMA FIORONI (2007), RIFORMA GELMINI (2009), RIFORMA PROFUMO (2012)
› I processi di innovazione nella scuola dell’autonomia e delle riforme.
› Le indicazioni nazionali per i piani di studio personalizzati per la scuola primaria e per la scuola secondaria di primo grado (riforma 2004)

Le Indicazioni nazionali per la scuola primaria. Natura, finalità e struttura.
Le Indicazioni Nazionali per i Piani di studio personalizzati.
› Le indicazioni per il curricolo nella scuola del primo ciclo d’istruzione (primaria e secondaria di primo grado) la riforma fioroni - decreto min. agosto 2007)
La struttura ed i contenuti delle Indicazioni curricolari.
Il quadro organizzativo, pedagogico, metodologico e didattico.
› Le riforme dell’assetto ordinamentale, organizzativo e programmatico del sistema scolastico (riforma gelmini 2008)
La riforma degli ordinamenti. Aspetti generali.
Le riforme più significative della scuola dell’infanzia, primaria, secondaria di primo e secondo grado, nonché la riforma dei licei artistici e degli istituti tecnici.
› Atto di indirizzo del ministero dell’istruzione, università e ricerca dell’8 settembre 2009
Le finalità generali dell’atto di indirizzo.
L’armonizzazione delle “indicazioni” e l’essenzializzazione dei curricoli: un’opportunità progettuale per la scuola dell’autonomia.
Riferimenti alla Costituzione.
La massima attenzione all’integrazione.
I criteri.
Un curricolo non pletorico ma con riferimento ai “nuclei fondanti”.
La scuola dell’infanzia: un luogo di apprendimento e di cura educativa.
La scuola primaria.
Scuola secondaria di primo grado.
› Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola primaria (riforma ministro profumo - Decreto 16/11/2012, n. 254)
La scuola nel nuovo scenario.
Centralità della persona.
Per una nuova cittadinanza.
Per un nuovo umanesimo.
Finalità generali.
L’organizzazione del curricolo.
Italiano.
Lingua inglese e seconda lingua comunitaria.
Storia.
Geografia.
Matematica.
Scienze.
Musica.
Arte e immagine.
Educazione fisica.
Tecnologia.

2.
REQUISITI CULTURALI E PROFESSIONALI DI CUI ALLE “AVVERTENZE GENERALI” ELEMENTI DI LEGISLAZIONE SCOLASTICA – STATO GIURIDICO DEI DOCENTI
› I principali strumenti didattici delle discipline di insegnamento i criteri per valutarli (libri di testo, sussidi e tecnologie informatiche)
I libri di testo.
I sussidi didattici.
Tecnologie informatiche.
Criteri per la valutazione.
› Fondamenti della psicologia dello sviluppo e della psicologia dell’educazione
Linee generali.
La psicologia delle sviluppo.
› Conoscenze pedagogico-didattiche del personale docente finalizzate alla promozione di apprendimenti in contesti interattivi in coordinamento con gli altri docenti
Il ruolo del docente.
Il lavoro di gruppo.
› La capacità di progettazione curricolare del docente
Il lavoro per progetti.
Il ruolo del docente nella progettazione curricolare.
› La didattica personalizzata coerente con i bisogni formativi dei singoli alunni. Modi e strumenti idonei all’attuazione
La didattica personalizzata.
L’attività didattica degli alunni.
› Le problematiche della continuità didattica
La continuità didattica.
La continuità pedagogica.
› Le problematiche legate all’orientamento scolastico
L’orientamento scolastico.
› Le tematiche legate alla valutazione interna ed esterna delle isituzioni scolastiche
La valutazione scolastica.
La valutazione diagnostica.
La valutazione formativa.
La valutazione sommativa.
Valutazione interna ed esterna: il ruolo dell’INVALSI.
› La costituzione italiana e le linee essenziali dell’ordinamento amministrativo dello stato
Lo Stato ed i suoi elementi costitutivi.
Il popolo.
Il territorio.
La sovranità o potestà d’imperio.
Le forme, i fini, i principi, le funzioni ed i poteri dello Stato.
La Costituzione e le linee essenziali dell’ordinamento amministrativo dello Stato.
› L’autonomia scolastica e l’organizzazione amministrativa del sistema scolastico
Le norme sull’autonomia.
L’autonomia organizzativa.
L’autonomia didattica.
L’autonomia di ricerca, sperimentazione e sviluppo.
L’autonomia amministrativa.
› Le competenze degli enti locali territoriali.
› Gli ordinamenti scolastici - funzionamento ed organizzazione delle scuole statali nel vigente ordinamento
Ordini, gradi e tipi della scuola statale.
La riforma degli Ordinamenti. Normativa di riferimento e presupposti.
Scuola dell’infanzia - Organizzazione.
La scuola primaria - Organizzazione.
Scuola secondaria di primo grado.
Scrutini ed esami - Valutazione periodica e finale.
Esame di idoneità.
› Il governo e la gestione della scuola. le funzioni degli organi collegiali
Il governo e la gestione della scuola.
Gli organi collegiali.
Il Collegio dei docenti. Nuovi compiti e funzioni.
Il Consiglio di interclasse. Competenze.
Il Comitato per la valutazione del servizio degli insegnanti.
Il Consiglio di circolo.
La Giunta esecutiva.
Il Consiglio scolastico distrettuale.
Il Consiglio scolastico provinciale.
Il Consiglio nazionale della pubblica istruzione.
› Le reti e le associazioni di scuole
Le reti di scuole.
I vantaggi delle reti di scuole.
› Lo stato giuridico del personale docente
Lo stato giuridico in generale.
La funzione docente.
Il profilo professionale docente.
Il rapporto di lavoro - contratti a tempo indeterminato.
Diritti e doveri del personale docente.
Diritto di assenze per malattia.
Doveri e obblighi di servizio del docente.
Orario di servizio.
Attività di carattere collegiale.
Accoglienza e vigilanza all’uscita degli alunni.
Lezioni private.
Divieto di cumulo d’impiego.
Divieto di ricevere compensi e remunerazioni.
Vigilanza sulla salute degli alunni.
Obblighi previsti da norme di legge (C.C.N.L. 2007) per il docente quale dipendente dalla P.A.
Sanzioni e procedimenti disciplinari nel comparto scuola.
L’avvertimento scritto.
La censura.
Sospensione dall’insegnamento o dall’ufficio fino ad un mese.
Sospensione dall’insegnamento da oltre un mese e fino sei mesi.
Sospensione dall’insegnamento o dall’ufficio per un periodo di sei mesi e utilizzazione in altri compiti.
› Formazione in servizio e aggiornamento professionale dei docenti
Riferimenti normativi.
Oggetto e organizzazione dell’aggiornamento.
Invalsi (istituto nazionale per la valutazione del sistema dell’istruzione)
L’istituzione dell’INVALSI.
Attività e compiti.
› Ex I.N.D.I.R.E. - ora agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica
L’Agenzia nazionale per lo sviluppo dell’autonomia scolastica.
(I.R.R.E.) e l’Istituto Nazionale di Documentazione per l’Innovazione e la Ricerca Educativa (INDIRE).
› L’unione europea e la scuola
Il Quadro Europeo delle Qualifiche e dei Titoli.
Le competenze chiave ed i diritti di cittadinanza.
La dimensione europea dell’educazione.
› Prova orale: la lezione simulata
Criteri e metodologia.

3.
PROBLEMATICHE EDUCATIVE E DIDATTICHE IL PROCESSO DI APPRENDIMENTO
› Natura e finalità del processo educativo e sua dimensione storica. Caratteri e fini della scuola primaria
Natura e finalità del processo educativo.
Caratteri e fini della scuola primaria.
› Lo sviluppo della personalità del fanciullo
Le fasi dello sviluppo del corpo umano.
Lo sviluppo corporeo.
› Principi di igiene scolastica
La tutela della salute.
L’educazione igienico-sanitaria.
› Conoscenze fondamentali della psicologia dell’età evolutiva concernenti lo sviluppo cognitivo e lo sviluppo affettivo
Psicologia ed educazione.
Età evolutiva e processo educativo.
Il contributo della psicologia alla pedagogia, alla didattica ed alla metodologia.
Lo sviluppo cognitivo.
Lo sviluppo dell’intelligenza.
Lo sviluppo affettivo.
› Diversità, uguaglianza e convivenza democratica
Diversità ed uguaglianza.
Valorizzazione delle diversità personali, socio-ambientali, culturali ed etniche.
La convivenza democratica.
› I sussidi didattici e le tecnologie educative
I sussidi didattici.
Le tecnologie educative.
› Le tecniche informatiche e della comunicazione
Le tecniche informatiche e la scuola.
La didattica delle tecniche informatiche.
› La documentazione, la verifica e la valutazione nell’ambito della istituzione scolastica
Documentazione, verifica e valutazione.
› Ricerca ed innovazione nella scuola - scopi, forme e modalità
Riferimenti normativi.
Sperimentazione metodologico-didattica e sperimentazione e innovazioni di ordinamenti e strutture.
› La scuola ambiente di apprendimento
Le Indicazioni per un ambiente scolastico educativo.
› Una scuola adeguata alle esigenze formative del fanciullo
Scuola primaria ed esigenze formative.
› Programmazione ed organizzazione didattica
La programmazione.
L’organizzazione didattica.
La programmazione settimanale.
L’organizzazione didattica.
› Didattica delle discipline specificità e collegamenti delle discipline - interdisciplinarità
La didattica delle discipline.
Specificità e collegamento delle discipline. Interdisciplinarità.
› L’unitarietà dell’insegnamento e delle attività
L’unitarietà dell’insegnamento ed il ruolo dell’insegnante.
L’organizzazione della classe.
› L’alfabetizzazione culturale. Discipline e saperi fondamentali
L’alfabetizzazione culturale.
Nuovi saperi, nuove discipline, nuove conoscenze.
› L’organizzazione della scuola primaria. Tempo normale e tempo pieno. Flessibilità organizzativa
L’organizzazione della scuola primaria a tempo normale.
La flessibilità organizzativa.
Il tempo pieno.
› Pluralità e contitolarità degli insegnanti. Il gruppo docente. L’organizzazione dell’insegnamento di tipo collaborativo
Pluralità e contitolarità degli insegnanti.
Il gruppo docente e l’organizzazione dell’insegnamento di tipo collaborativo.
› Cultura delle pari opportunità in campo formativo
La normativa in materia di pari opportunità.
Le tutele del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro.
› L’insegnante di sostegno
Funzioni e competenze dell’insegnante di sostegno.

4.
ARGOMENTI DI PEDAGOGIA, PSICOLOGIA, METODOLOGIA, DIDATTICA. PROGRAMMI E DISCIPLINE DI STUDIO
› Lo sviluppo integrale della personalità dell’alunno. Metodi ed attività didattiche
› Le esigenze educative e formative degli alunni. Compiti specifici della scuola.
› L’acquisizione di competenze degli alunni come obiettivo principale del processo di insegnamento-apprendimento.
› La complementarità dei termini insegnamento-apprendimento
.
› Le motivazioni scolastiche all’apprendimento, all’educazione ed alla formazione.
› La conoscenza psicologica dell’alunno premessa indispensabile per la sua educazioneformazione.
› Lo sviluppo delle conoscenze ed i nuovi saperi nella scuola dell’autonomia.
› Il problema del condizionamento socio-familiare-culturale. I mezzi efficaci di decondizionamento.
› Il disadattamento scolastico ed i criteri operativi per il recupero.
› Gli alunni svantaggiati e con difficoltà di inserimento. Le strategie di intervento.
› L’inserimento e l’integrazione degli alunni portatori di handicap nelle classi normali.
› La continuità educativa ed il progetto formativo continuo.
› La continuità educativa orizzontale tra scuola, famiglia, enti ed istituzioni territoriali.

› La scienza psicologica conferisce sostegno alle attività didattiche rendendole più efficaci nel processo educativo.
› La scuola deve configurarsi come ambiente educativo, formativo e di apprendimento.
› Le tecnologie telematiche multimediali nell’ambito scolastico.
› Le attività di valutazione del docente nel processo di insegnamento-apprendimento.
› La cultura dell’accoglienza.
› L’accoglienza degli alunni stranieri nella scuola e nella classe.
› La didattica quale particolare scienza della comunicazione. Aspetto essenziale della professionalità docente.
› Il laboratorio didattico, organizzato secondo principi di efficienza e di efficacia.
› Il lavorare per progetti costituisce una metodologia da privilegiare nello svolgimento delle attività didattiche.
› I processi di insegnamento-apprendimento e l’organizzazione delle attività educative e didattiche.
› I metodi della ricerca e della progettazione.
› La professionalità e la funzione docente nella scuola.
› La individualizzazione e la personalizzazione nell’organizzazione didattica e metodologica delle attività scolastiche.
› L’informatica quale nuova tecnologia dell’informazione e della comunicazione nella scuola.
› La scuola della programmazione cunicolare.
› La scelta e l’utilizzazione dei libri di testo .
› Il metodo di insegnamento secondo il principio dell’interdisciplinarità.
› La lezione, quale modo efficace per trasmettere conoscenze ed informazioni nella scuola.
› L’educazione alla cittadinanza nell’ambito dell’educazione alla convivenza civile.
› L’educazione ai principi fondamentali della convivenza civile.
› L’educazione alla salute nell’ambito scolastico.
› L’educazione stradale nei piani di studio.
› L’educazione ai mass media.
› La costituzione italiana fondata sulla necessità di ricostruire l’unità di un popolo su basi democratiche.
› L’educazione alla legalità come motivata adesione alle leggi democratico-costituzionali e rispetti delle stesse.
› L’educazione interculturale ed alla convivenza sociale nell’attuale scuola etnicamente pluralistica.
› La scuola pone le basi cognitive, socio-emotive e comportamentali dell’alunno.
› Saperi, conoscenze, metodologie nella nuova prospettiva dell’insegnamento-apprendimento scolastico.
› Il piano dell’offerta formativa.
› Insegnanti e genitori hanno in comune la responsabilità educativa degli alunni.
› Il diritto-dovere all’istruzione ed all’educazione.
› Le diversità e le difficoltà di apprendimento e di comportamento degli alunni.
› L’apprendimento dei fondamentali tipi di linguaggio.
› Il principio della convivenza democratica come stile di vita scolastica quotidiana.
› L’educazione alla democrazia nelle scuole di ogni ordine e grado.
› La comunicazione, l’informazione e la relazionalità nell’ambito delle istituzioni scolastiche.
› L’educazione all’ambiente trova significativi riferimenti nell’ambito delle nuove indicazioni per il curricolo.
› L’autovalutazione dell’istituzione scolastica costituisce la base informativa per qualsiasi azione di controllo interno e sociale.
› La libertà di insegnamento richiede una concezione democratica della funzione docente.
› La formazione iniziale ed in servizio dei docenti.
› L’insegnamento-apprendimento della lingua italiana nella scuola primaria e secondaria di primo grado.
› L’apprendimento di almeno due lingue europee nel corso della frequenza della scuola primaria e secondaria di primo grado.
› L’apprendimento della storia nella scuola primaria e secondaria di primo grado.
› Lo studio della geografia in stretto legame interdisciplinare con la storia e le scienze naturalistiche.
› Lo studio della disciplina “arte ed immagine”.
› Le attività motorie e sportive a livello di scuola primaria e secondaria di primo grado.
› L’insegnamento della matematica nella scuola primaria e secondaria di primo grado.

› L’insegnamento delle scienze nelle scuole del primo ciclo.
› L’insegnamento della tecnologia e dell’informatica nella scuola primaria e secondaria di primo grado.
L’insegnamento della musica nella scuola primaria e secondaria di primo grado.



Per ricevere
LA PROVA ORALE DEL CONCORSO A CATTEDRE
NELLA SCUOLA PRIMARIA E NELLA SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO

Maggioli Editore • Novità febbraio 2013
• Pagine 752 • F.to cm. 17x24 • ISBN 7841.4
Euro 37,80 anziché Euro 42,00
clicchi su:

ACQUISTO ON LINE
Garanzie a tutela del Suo acquisto
- Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore: Tel. 0541/628200 - servizio.clienti@maggioli.it.
- Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.