Novità dicembre 2007
Con otto esempi
di cantieri
per nuove costruzioni, ristrutturazioni, demolizioni,
lavori stradali.
Volume di pagine 400
illustrato con 145 figure e numerose tabelle


Prezzo speciale
euro 31,50
ORGANIZZAZIONE
DEL CANTIERE

Questo nuovo Manuale costituisce strumento guida per i Tecnici e i Professionisti del settore edile, coinvolti a vario titolo nel processo costruttivo come progettisti, responsabili di cantiere, direttori dei lavori e coordinatori della sicurezza.

Conciso ed efficace, illustra in ogni aspetto il corretto allestimento del cantiere come sistema organizzato e coerente dei luoghi e delle postazioni di lavoro a servizio della produzione, analizzandone in particolare i criteri di progettazione nonché i metodi e gli strumenti di programmazione operativa.

Il Manuale è integrato da otto esempi applicativi, completi di “Progetto grafico del cantiere” e di “Relazione tecnica”, in materia di:
» struttura analitica di progetto, » computo metrico estimativo, » progettazione del cantiere, » programmazione dei lavori, esperienze dell’autore, M. L. Trani, Ingegnere civile edile, titolare della cattedra di Organizzazione e sicurezza del cantiere presso il Politecnico di Milano.

Sintesi precisa e dettagliata delle fasi » di acquisizione dati del progetto esecutivo delle opere, » di progettazione ergotecnica e » di programmazione dell’intervento realizzativo, illustrato con 145 figure, corredato di supplementi su “Sicurezza geotecnica” e su “Cantieri stradali”, il volume si presenta così organizzato in quattro parti e due appendici:

Parte prima
Acquisizione e strutturazione dei dati del progetto esecutivo
1.
Contenuti ergotecnici del progetto esecutivo
2.
Disarticolazione dell’intervento in elementi di lavoro
3.
Computo delle quantità di lavoro:
» Computo metrico: livelli e tipologie.
» Il computo metrico estimativo.
» Problematiche inerenti la redazione e la gestione di un computo metrico estimativo.
» Criteri per la misurazione delle opere: • ponteggi esterni e interni, • demolizione totale o parziale di fabbricati, • demolizione di strutture verticali, • demolizione di strutture orizzontali, • volte e scale, • disfacimento tetti e manti di copertura, • demolizione di partizioni interne e formazione di tracce, • rimozione pavimenti e rivestimenti, • scavi di sbancamento, • scavi a sezione obbligata, • rilevati e reinterri, • fondazioni indirette e diaframmi, • fondazioni dirette, • strutture di elevazione verticali e orizzontali, • casseforme, • acciaio d’armatura, • elementi strutturali metallici, • elementi strutturali lignei, • strutture di elevazione, • vuoti e inserti, • volte, • vespai, • tetti e gronde, • opere in pietra naturale o artificiale, • paramenti in faccia a vista, • isolanti e impermeabilizzanti, • serramenti, • opere da lattoniere, • pavimenti, rivestimenti, • intonaci, • controsoffitti, • imbiancature, tinteggiature e verniciature, • cornici, sottocornici e fasce, • decorazioni, • verniciatura di manufatti in legno e ferro, • murature non portanti, • tubi e canne, • prestazioni di mano d’opera e di materiali in economia.
»Analisi delle voci di lavoro: 23 esempi di lavorazioni analizzate con mano d’opera, materiali, noli.
Parte seconda
Fondamenti di progettazione ergotecnica
1. Criteri per la progettazione del cantiere:
» Contestualizzazione del cantiere.
» Fasi di cantiere.
» Delimitazioni.
» Viabilità di cantiere.
» Servizi logistici di cantiere.
» Opere provvisionali.
» Postazioni fisse di lavoro.
» Carico e scarico.
» Aree di stoccaggio.
» Deposito temporaneo dei rifiuti.
» Movimentazioni aree.
» Movimentazioni meccanizzate.
» Movimentazioni manuali.
» Reti impiantistiche.
2. Informazione ergotecnica di prodotto
3. Specifiche tecnico-operative

Parte terza
Programmazione operativa dell’intervento
1.
Disarticolazione dell’intervento in fasi costruttive: Struttura dei livelli operativi di programmazione. Le fasi costruttive.
2.
Metodi e strumenti di programmazione operativa: Modelli di programmazione. Strumenti di programmazione: il diagramma di Gantt. La costruzione del diagramma di Gantt legato mediante il diagramma di flusso del programma. Il reticolo del P.E.R.T.
3.
Principi generali di ottimizzazione delle risorse: Il controllo di allocazione delle risorse. Il processo di ottimizzazione delle risorse.
Parte quarta
Esempi applicativi
1.
Disarticolare un intervento edilizio:
» Ristrutturazione rustico di corte.
2.
Computare le quantità di lavoro:
» Nuova costruzione di palazzina ad uso residenziale di tipo economico-popolare.
» Ristrutturazione edificio.
3.
Progettare un cantiere:
» Tamponamenti e partizioni interne di villa unifamiliare di nuova costruzione.
» Lastre predalles per la copertura del piano interrato di un edificio residenziale pluripiano.
»
Demolizione caldane e realizzazione di nuove pavimentazioni per due edifici pluripiano.
» Installazione di barriere spartitraffico su tracciato autostradale.
» Posa di travi in calcestruzzo prefabbricato per la realizzazione della soletta di un sovrappasso autostradale.
4. Programmare un intervento
Appendice 1
"Aspetti geotecnici relativi alla sicurezza nell’esecuzione di opere edili", del Prof. G. Gioda, del Dipartimento di Ingegneria Strutturale del Politecnico di Milano.
Appendice 2
"Gestione operativa dei cantieri stradali", dell’Ing. S. Pesce, esperto in problematiche di sicurezza sul lavoro nei cantieri di tipo infrastrutturale.
Per ricevere subito
ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE
Maggioli Editore - Novità dicembre 2007
pagine 400 - f.to cm. 17x24 - ISBN 4008.9
al prezzo speciale di euro 31,50
anziché euro 35,00
clicchi su



Deducibilità fiscale delle opere acquistate
» La spesa documentata nella fattura - sempre allegata all'ordine - è fiscalmente deducibile ai sensi degli articoli 54-56 TUIR.

Garanzie a tutela del Suo acquisto
» Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore al NUMERO VERDE 800-846061.

» Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.


TORNA ALLA PAGINA INIZIALE