Novità settembre 2012

Guida pratica per
l’Ufficiale di stato civile
LA DISCIPLINA DEL NOME E DEL COGNOME
Aggiornato con
le modifiche introdotte dal DPR 13 marzo 2012, n. 54
LA DISCIPLINA DEL NOME
E DEL COGNOME

Questioni tra le più coinvolgenti e delicate per le difficoltà oggettive che creano all’Ufficiale di stato civile - oltre al possibile contenzioso con il cittadino - causa riferimenti normativi e indirizzi giurisprudenziali diversi o addirittura contrastanti.

Questa nuova Guida chiarisce sia le problematiche tipiche del cognome spettante al figlio legittimo e al figlio naturale sia tutte quelle variazioni conseguenti a particolari situazioni, quali disconoscimento, adozione, legittimazione, cambiamento di cognome del genitore, nonchè quelle volontarie su istanza di parte.

Illustra inoltre: › l’applicazione dell’art. 98 comma 2 del DPR 396/2000, › il contenuto delle sentenze della Corte di Giustizia, › scelta del nome e limiti previsti dall’ordinamento, › le generalità dei cittadini stranieri e il diritto all’applicazione della legge del loro Stato.

Con riguardo esclusivo alle procedure e agli adempimenti che l’Operatore è chiamato a svolgere, il testo affronta e dirime le criticità della materia attraverso l’analisi delle disposizioni vigenti, l’esemplificazione di casi pratici risolti e le linee d’azione da adottare per una corretta applicazione della normativa:

1.
IL COGNOME DEL FIGLIO LEGITTIMO, LA SITUAZIONE ATTUALE
Il comportamento dell’Ufficiale di stato civile.
La soluzione auspicabile.

2.
IL COGNOME DEL FIGLIO NATURALE
Cognome del figlio naturale non riconosciuto.
Cognome del figlio naturale riconosciuto.
Cognome del figlio naturale riconosciuto prima della nascita.
Cognome del figlio naturale riconosciuto al momento della nascita.
Cognome del figlio naturale riconosciuto successivamente alla nascita.

3.
IL COGNOME A SEGUITO DI DISCONOSCIMENTO, LEGITTIMAZIONE, ADOZIONE
Disconoscimento di paternità.
Legittimazione.
Adozione.
Cambiamento di cognome del genitore.

4.
CAMBIAMENTO DI COGNOME, COMPETENZE ESCLUSIVE DELLE PREFETTURE
La nuova normativa.
Le istruzioni ministeriali.
Modulistica: 4 fac-simile di atti.

5.
L’APPLICAZIONE DELL’ART. 98, COMMA 2, DPR 396/200
L’orientamento del Ministero dell’interno.
Il cognome dello straniero che acquista la cittadinanza italiana.
Problematiche connesse alle situazioni giuridiche pregresse: possibili soluzioni.
Modulistica: 3 fac-simile di atti.

6.
IL DIRITTO AL NOME, IL RISPETTO DELLE GENERALITÀ ORIGINARIE DALLA CORTE DI GIUSTIZIA ALL’UFFICIALE DI STATO CIVILE
Il nuovo orientamento del Ministero dell’interno.
La sentenza della Corte di Giustizia del 14 ottobre 2008, n. C-353/06.
La sentenza della Corte d’appello di Cagliari.
Gli adempimenti dell’Ufficiale di stato civile.

7.
IL DIRITTO AL NOME DEL CITTADINO STRANIERO
L’orientamento ministeriale.
Il cambiamento di nome.
La variazione del cognome.

8.
LA SCELTA DEL NOME
L’art. 34 del DPR 396/2000.
L’art. 35 del DPR 396/2000.
Modulistica: 2 fac-simile di atti.

9.
L’ART. 36 DEL DPR 396/2000, PROBLEMATICHE APPLICATIVE
Modulistica: 2 fac-simile di atti.

10.
LA SCELTA DEL NOME: L’ORIENTAMENTO DEL MINISTERO DELL’INTERNO.

11.
IL CASO DEL NOME ANDREA, DALLA GIURISPRUDENZA UN DECISO INDIRIZZO
Il nome Andrea.
Le decisioni dei giudici di Torino.

12.
PROSPETTIVE DI MODIFICHE NORMATIVE: UNO SGUARDO AI LAVORI PARLAMENTARI.

»
APPENDICE
DPR 396/2000, DPR 54/2012 e Prassi, fino alla Circolare Ministero dell’interno 21 maggio 2012, n. 14 in materia di procedimento per il cambiamento del cognome.


R. Calvigioni, Direttore comunale Servizi Demografici.


Per ricevere
LA DISCIPLINA DEL NOME E DEL COGNOME
Maggioli Editore • Novità settembre 2012
• Pagine 150 • F.to cm. 17x24 • ISBN 7544.3 • Euro 30,00

clicchi su

ACQUISTO ON LINE
Garanzie a tutela del Suo acquisto
» Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore: Tel. 0541/628200 - servizio.clienti@maggioli.it.
» Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.