L'OPERATORE SOCIO-SANITARIO
VI edizione maggio 2013
in offerta speciale on line
e senza spese di spedizione

L'OPERATORE
SOCIO-SANITARIO

Manuale teorico-pratico
per i concorsi e la formazione dell’OSS

› Con test a risposta multipla e sintetica
› Casi clinici svolti e commentati

Indispensabile per la formazione di base e la preparazione ai concorsi, questo Manuale fornisce una completa ed efficace metodologia di apprendimento che permette di sviluppare i concetti teorici, valutare le conoscenze e le capacità acquisite, analizzare le competenze attraverso casi specifici.

Di agevole lettura e facile consultazione, la sesta edizione di questo apprezzatissimo volume
- aggiornato con le più recenti norme in materia di protezione della salute, sicurezza in ambito lavorativo e prevenzione dei rischi in ambito sanitario - si presenta del tutto esaustiva sia sul piano concettuale che operativo, organizzata razionalmente in tre parti:

PARTE PRIMA
L’ORGANIZZAZIONE SANITARIA E SOCIO-ASSISTENZIALE
1. Legislazione e organizzazione sanitaria.
2. Il Servizio Sanitario Nazionale.
3. L’integrazione degli interventi sociali e sanitari e la rete dei servizi.
IL QUADRO GIURIDICO E CONCETTUALE DI RIFERIMENTO DELL'OPERATORE SOCIO-SANITARIO
1. Le figure di supporto: evoluzione, profili, normativa di riferimento e attività.
2. L’operatore socio-sanitario (OSS).
3. La formazione complementare dell’OSS.
4. L’integrazione dell’OSS nei processi assistenziali e con le altre figure professionali.
5. L’équipe assistenziale.
6. Le professioni sanitarie e sociali.
7. L’attribuzione di atti e il processo assistenziale infermieristico.
8. Il rapporto di lavoro nel pubblico impiego.
9. La responsabilità dell’operatore socio-sanitario.
10. Aspetti etici e deontologici.

PARTE SECONDA
LA PERSONA E L'IDENTIFICAZIONE DEI BISOGNI
1. La persona.
2. L’ambiente.
3. La salute.
4. I bisogni fondamentali delle persone.
LA COMUNICAZIONE
1. La comunicazione efficace.
2. Il linguaggio non verbale.
3. La comunicazione interpersonale in ambito sanitario.
4. Il gruppo.
5. La sindrome del burnout.
ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO SANITARIO E SOCIALE
1. L’organizzazione del lavoro in sanità.
2. L’organizzazione dell’assistenza.
LAVORARE PER OBIETTIVI
1. Il processo d’assistenza infermieristica.
2. Metodologia del lavoro socio-assistenziale.
3. Il Progetto assistenziale individualizzato (PAI).
4. Il lavoro d’équipe.
5. Gli strumenti per la valutazione: le scale.
Appendice: Strumenti per l’accoglienza e la valutazione, il PAI e il PLI.
IL SISTEMA INFORMATIVO E LA DOCUMENTAZIONE
1. La documentazione sanitaria.
2. Linee guida, protocolli e procedure.
LA QUALITA' E L'ACCREDITAMENTO
1. La qualità.
2. L’accreditamento.

PARTE TERZA
L’ACCOGLIENZA DELLA PERSONA
1. L’accoglienza del paziente in ospedale.
PROMUOVERE LA SICUREZZA DELL'AMBIENTE DI LAVORO
1. La salute e la sicurezza nell’ambiente di lavoro.
2. I rischi professionali in ambito sanitario.
Appendice 1: Le preoccupazioni per il rischio biologico.
Appendice 2: La movimentazione dell’assistito: comportamenti.

PROMUOVERE LA SICUREZZA DELL'AMBIENTE E DELLA PERSONA
1. L’igiene.
2. Il microclima.
3. Il rischio biologico (infettivo).
4. Le infezioni correlate all’assistenza.
Appendice: Raccomandazioni di carattere generale sulle misure di prevenzione e controllo.
L'ASSISTENZA ALLA PERSONA
1. Assistenza alla persona sottoposta ad intervento chirurgico
Assistenza preoperatoria
– U.O. di chirurgia.
– Periodo perioperatorio.
– Fase preoperatoria.
– Preparazione preoperatoria del paziente.
– La preparazione del paziente nel giorno dell’intervento.
– Esecuzione della tricotomia.
– Applicazione delle calze elastiche.
– Assistenza postoperatoria.
– Trasferimento del paziente alla sala di cure postanestesiologiche.
– Accoglienza del paziente nell’U.O.
– Le ferite.
– Le medicazioni chirurgiche.
– Idratazione e nutrizione per via orale.
– Mobilità e cura di sé.
– Collaborare per la medicazione di una ferita chirurgica.
– Cura del moncone ombelicale.
– Lesioni da pressione.
– Fattori di rischio/Fattori intrinseci di rischio.
– Fattori estrinseci di rischio.
– Fattori esacerbanti di rischio.
– Caratteristiche sedi cutanee.
– Raccomandazioni per la prevenzione.
– Modalità per ridurre la pressione.
– Presidi per ridurre la pressione.
– La stadiazione delle lesioni da pressione.
– Trattamento delle lesioni.
– Prevenzione delle infezioni.
2. Collaborare nella prevenzione del rischio di caduta.
3. Assistenza alla persona anziana
– Cause dell’invecchiamento.
– Classificazione dell’invecchiamento.
– Fattori di rischio.
– L’alimentazione nell’anziano.
4. L’assistenza alla persona con morbo di Parkinson.
5. Assistenza alla persona con handicap
– Conseguenze psichiche e sociali dell’handicap.
6. Assistenza alla persona morente
– Il malato terminale e l’Hospice.
– Le cure palliative.
– L’Organizzazione e la gestione dell’Hospice.
– Cura del corpo dopo la morte: la composizione della salma.
7. Aiutare nell’alimentazione
– Aiutare un adulto nell’alimentazione.
– Aiutare nell’alimentazione la persona a rischio/con disfagia/Prima del pasto.
– Collaborare nell’introduzione e gestione del sondino nasogastrico/Nutrizione enterale.
– Collaborare all’inserimento del sondino nasogastrico.
– Collaborare nella gestione in caso di mantenimento in sede della sonda.
– Collaborare nella rimozione del sondino.
– Collaborare alla gestione della nutrizione enterale (N.E.).
8. Aiutare nell’eliminazione
– Eliminazione urinaria.
– Eliminazione intestinale.
– L’utilizzo della padella.
– Garantire l’eliminazione urinaria: collaborare nella introduzione e gestione del catetere vescicale.
9. Cura della persona
– Garantire la cura di sé e il comfort (le cure igieniche).
– Rifacimento letto libero o occupato.
– Bagno/doccia/bagno a letto (le cure igieniche).
– Igiene del cavo orale.
10. Aiutare nei movimenti: collaborare nel garantire la mobilizzazione della persona
– Posizionamento/mobilizzazione a letto della persona.
– Trasferimento di un paziente su di una sedia a rotelle.
11. Collaborare nella rilevazione di segni e sintomi
– Rilevazione dei parametri vitali.
– Collaborare nella rilevazione della temperatura corporea.
– Collaborare nella rilevazione del polso.
– Collaborare nella rilevazione della pressione arteriosa incruenta.
– Collaborare nella rilevazione della respirazione.
12. Collaborare nella corretta applicazione delle prescrizioni terapeutiche: l’assunzione dei farmaci
– La conservazione dei farmaci.
– Aiutare nell’assunzione di farmaci.
NORME DI PRIMO SOCCORSO
1. Conoscenze generali.
2. Rianimazione cardiopolmonare – Linee guida AHA 2010 per RCP.
3. Procedure Basic Life Support (BLS). Il supporto di base delle funzioni vitali.

»
VALUTAZIONI DI APPRENDIMENTO
Valutazione apprendimento di Parte Prima
(51 domande aperte e a risposta multipla).
Valutazione apprendimento di Parte Seconda (40 domande aperte e a risposta multipla).
Valutazione apprendimento di Parte Terza (214 domande aperte e a risposta multipla).
22 casi clinici per i quali evidenziare competenze richieste ed interventi da attuare.


P. Di Giacomo, Infermiera, ostetrica, dottoressa in Scienze infermieristiche e ostetriche, professoressa a contratto di Scienze infermieristiche e Scienze ostetriche Università Bologna, Udine, Padova e Firenze, coordinatrice didattica del Corso di laurea in Infermieristica Polo didattico scientifico di Rimini, Università di Bologna, docente e coordinatrice sanitaria ai Corsi di formazione per Operatore socio-sanitario.
M. Montalti, Laurea specialistica in Scienze infermieristiche e ostetriche, professoressa a contratto di Infermieristica e di Introduzione alla metodologia della ricerca infermieristica, Università di Bologna Corso di laurea in Infermieristica, coordinatrice didattica del Corso di laurea in Infermieristica, Polo didattico di Rimini.


Per ricevere
L'OPERATORE SOCIO-SANITARIO
Maggioli Editore • VI edizione maggio 2013
• Pagine 576 • F.to cm. 17x24 • ISBN 8134.6
Euro 28,80 oppure Euro 27,20
anziché Euro 32,00
clicchi su:

ACQUISTO ON LINE
Garanzie a tutela del Suo acquisto
- Per ogni ulteriore informazione in merito alla presente promozione contatti il Servizio Clienti Maggioli Editore: Tel. 0541/628200 - servizio.clienti@maggioli.it.
- Ai sensi del D.Lgs. 22.5.1999, n. 185, art. 5, Lei ha facoltà di esercitare il diritto di recesso, restituendo il prodotto acquistato entro 10 giorni lavorativi dalla data di ricevimento del medesimo.

<<TORNA ALLA PAGINA INIZIALE